/ Attualità

Attualità | 10 luglio 2022, 11:00

Con “Slow City” il distretto porta gli agenti viaggio stranieri alla scoperta del territorio

Il viaggio degli operatori internazionali sul Lago Maggiore proseguirà fino a lunedì 11 toccando anche l’Ossola e il Lago d’Orta

Con “Slow City” il distretto porta gli agenti viaggio stranieri alla scoperta del territorio

Il Fam Trip “Slow City: Journey among the best of the Lake Maggiore Region for authentic and sustainable Experiences” è partito giovedì 7 luglio, con l’arrivo degli operatori internazionali sul Lago Maggiore e prosegue sino a lunedì 11 toccando anche le Valli dell’Ossola e il Lago d’Orta. 

Gli 11 Tour Operators partecipanti al Fam Trip sono operanti in ambito Leisure e Luxury e si rivolgono per lo più ad un turismo individuale per viaggi sempre più tailor-made. Con questo tour, i Buyers, ospiti dell’ATL, avranno modo di testare in prima persona la qualità di strutture e servizi, di ammirare i "borghi del cuore" focus del progetto, nonchè di intessere dei rapporti business con i fornitori locali per la creazione di futuri pacchetti-vacanza dal taglio slow, bespoke ed esperienziale. 

Il programma del tour prevede la visita di Cannero Riviera Cannobio (entrambi “Bandiera Arancione”) e l’Isola dei Pescatori con il suo antico villaggio dedito alla pesca; si sposteranno poi a Domodossola (“Borgo della Cultura”) e in Valle Vigezzo a Santa Maria Maggiore (“Bandiera Arancione”) e ancora, grazie ad una magnifica giornata in crociera, sbarcheranno tra le ridenti località del Lago d’Orta, in primis Orta San Giulio (uno dei “Borghi più belli d’Italia” e “Bandiera Arancione”) con la sua isola. Durante i 5 giorni di tour per i T.O. sono state organizzate inoltre visite presso eccellenti nomi dell’hotellerie di lago e di montagna, della ristorazione gourmet e presso alcuni produttori dell’enogastronomia tipica, viaggiando tra le rive e le colline del Verbano, del Cusio e le altre Vallate Ossolane. Fil rouge di tutto il tour sarà il movimento lento, la vacanza autentica e sostenibile. “Discover one of the most spectacular sceneries of Piedmont region”: 

questo è l’invito che apre l’iniziativa. 

Questo Fam Trip - abbreviazione dell’espressione inglese Familiarisation Trip - rappresenta il completamento dell'intera progettualità SLOW CITY 2022 in ambito promo-commerciale verso tour operators stranieri, che ha previsto anche una serie di azioni attuate già a maggio scorso dalla nostra Agenzia Turistica Locale in collaborazione con Tourist Trend, agenzia italiana assai attiva nel travel marketing. 

Il 17 maggio il Distretto ha infatti organizzato una giornata formativa su piattaforma digitale per buyers stranieri ed operatori turistici del territorio con lo scopo di approfondire la conoscenza dei borghi premiati con marchi e certificazioni che ne sanciscono l’alto valore turistico-culturale. Il Webinar SLOW CITY” è stato condotto da guide turistiche locali abilitate, in qualità di destination experts. 

A seguire, il 19 e il 20 maggio, sono stati realizzati due giorni di incontri b2b tramite il Virtual Workshop SLOW CITY” durante i quali la domanda straniera ha incontrato l'offerta locale sulla medesima piattaforma digital. Per il territorio hanno partecipato esponenti della ricettività, del settore trasporti, attrazioni, agenzie incoming, associazioni di guide, operatori dell’outdoor che, grazie al Workshop, hanno potuto acquisire nuovi contatti trade e instaurare potenziali relazioni commerciali raccontando la qualità del proprio prodotto o servizio. 

Entrambi gli eventi online, consequenziali e tra loro collegati, con l’aggiunta del Fam Trip rappresentano una combinata nel complesso mirata alla vendita all'estero – per tramite di una qualificata intermediazione turistica - della nostra destinazione, tanto lacustre, quanto alpina. 

In questo momento” commenta il Presidente Francesco Gaiardelli la formula ibrida più congeniale per gli eventi turistici trade prevede laccoppiata di meeting virtuali con educational tour in presenza, rappresentando certamente uno stimolo positivo per la promozione turistica del territorio, per dare nuovo slancio alleconomia locale ma anche - più in generale - per valorizzare il brand Piemonte, di cui ci sentiamo parte forte e integrante, al di fuori dei confini nazionali.” E conclude: “Dobbiamo il nostro continuo impegno a tutti gli operatori del settore turistico di VCO e Novarese, così come ai visitatori che tanto amano la nostra terra come luogo di soggiorno.”



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore