/ Politica

Politica | 18 settembre 2021, 08:50

La Regione porta a Firenze le istanze a difesa dell'agricoltura

“G20 Agricolo occasione per riaffermare i temi prioritari da affrontare per garantirne lo sviluppo sostenibile”

La Regione porta a Firenze le istanze a difesa dell'agricoltura

Il 16 settembre a Firenze la Commissione Politiche Agricole della Conferenza delle Regioni ha incontrato il Commissario Europeo all'Agricoltura,  Janusz Wojciechowski e il Ministro dell’Agricoltura durante la giornata del “G20 Agricolo”.

Per l’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte si è trattato di un’occasione per riaffermare insieme agli altri assessori regionali di tutta Italia quelli che si ritiene essere i temi prioritari da affrontare per garantire lo sviluppo sostenibile dell'agricoltura nel Paese.

Il Commissario ha rilevato come la nuova PAC possa contare su diversi strumenti adatti a sostenere l’agricoltura italiana e le sue eccellenze produttive, rilevando come in Italia le aziende di medio piccole dimensioni sappiano coniugare produttività, competitività e rispetto dell'ambiente. Su precisa richiesta del Coordinatore della CPA, il Commissario ha precisato che il Piano Strategico Nazionale potrà sicuramente riservare alle Regioni il livello di autonomia necessario per esercitare la potestà in materia agricola riconosciuta loro dalla Costituzione, al fine di rispondere al meglio alle esigenze di sviluppo dei diversi territori.

Il Piemonte insieme alle altre Regioni ha inoltre richiamato l’attenzione del Commissario sul tema della tutela delle produzioni a denominazioni d’origine, recentemente ancora  messa in discussione dalla richiesta Croata di riconoscere la denominazione Prosek. Argomento collegato anche alla controversa vicenda del sistema di etichettatura Nutriscore, ritenuto dagli assessori regionali fuorviante per i consumatori e che rischia di penalizzare fortemente e ingiustamente le produzioni italiane. 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore