/ Sanità

Sanità | 03 settembre 2021, 12:00

A Borgomanero una nuova tecnica mini invasiva per la cura del glaucoma

Non sarà più necesssario il ricovero dopo l'intervento

A Borgomanero una nuova tecnica mini invasiva per la cura del glaucoma

Novità nel trattamento chirurgico del glaucoma presso la Struttura Complessa di Oculistica dell’ospedale S.s. Trinità di Borgomanero dell’Asl Novara.

Il bagaglio di possibilità del reparto si arricchisce di una nuova pratica chirurgica: negli ultimi mesi infatti sono state messe in pratica tecniche chirurgiche mini invasive, più conservative, per il trattamento del glaucoma.

Le tecniche consistono nell’impianto di dispositivi (stent) che permettono di ottenere abbassamenti della pressione dell’occhio nel glaucoma con una minore incidenza di complicazioni intra-operatorie e post-operatorie rispetto alle tecniche tradizionali.

L’impianto di questi stent consente il passaggio dell’umore acqueo dall’interno dell’occhio agli spazi sotto congiuntivali in maniera più controllata rispetto alle tecniche tradizionali.

Questo nuovo approccio chirurgico consente di ottenere un recupero post-operatorio più rapido rispetto al passato e permette, inoltre, nella maggior parte dei casi, la possibilità, una volta effettuato l’intervento, di poter dimettere subito il paziente al proprio domicilio senza bisogno di ricovero ospedaliero.

È doveroso un ringraziamento al personale della Struttura Complessa di Oculistica e al Dipartimento Chirurgico per il nuovo importante servizio messo a disposizione della popolazione del nostro territorio – afferma Angelo Penna, Direttore Generale ASL NO – consolidando ulteriormente una rete di servizi efficienti che contribuiscono a garantire nel territorio un’assistenza sanitaria di eccellenza che pone al centro della sua attenzione i bisogni della persona”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore