/ Politica

Politica | 11 aprile 2021, 08:00

Biletta (FI): “Approvato ordine del giorno per il rilancio politiche della famiglia e per l’occupazione femminile”

“Registriamo chiari segnali che a pagare il conto peggiore della crisi pandemica, in particolare per il lavoro, siano state le donne”

Biletta (FI): “Approvato ordine del giorno per il rilancio politiche della famiglia e per l’occupazione femminile”

A Palazzo Lascaris nella seduta odierna è stato approvato l’ordine del giorno, collegato al Bilancio, presentato da Forza Italia in merito alle pari opportunità di genere. La vice capogruppo di Forza Italia Alessandra Biletta prima firmataria del documento commenta: “La Regione Piemonte è certamente tra le amministrazioni maggiormente all’avanguardia in tema di parità di genere, vi è una sensibilità diffusa sia tra le forze politiche in modo trasversale che all’interno della società. Tuttavia, insieme anche alla collega di opposizione Sarah Disabato, pensiamo che si possa sempre migliorare visto che alcuni dati ci vedono ancora con un gap rispetto alle medie europee. Proprio per questo con l’ordine del giorno approvato abbiamo ottenuto l’impegno della Giunta di monitorare che il tema della parità di genere venga tenuto in debito conto, in coerenza con le linee guida della Commissione Europea e del Governo, nella ripartizione delle risorse derivanti dal Recovery Fund, attraverso la predisposizione di misure che potenzino l’allargamento delle politiche per la famiglia, contemperando il ruolo genitoriale con quello lavorativo, che rilancino l’occupazione femminile e che superino il divario retributivo di genere. Registriamo chiari segnali che a pagare il conto peggiore della crisi pandemica, in particolare per il lavoro, siano state le donne: è indispensabile uno sforzo ulteriore per evitare che la forbice già esistente tra i due generi si allarghi ancora di più disperdendo i grossi sforzi fatti in questi anni”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore