/ Politica

Politica | 27 ottobre 2020, 16:03

Covid, Frediani (M5S): "Contagi, il Piemonte è di nuovo un caso"

Duro anche Grimaldi (LUV): "Tamponi rapidi ennesimo annuncio di Cirio senza che siano seguiti i fatti"

Covid, Frediani (M5S): "Contagi, il Piemonte è di nuovo un caso"

"Nel nostro Paese un ricoverato su quattro è cittadino Piemontese. Nella nostra regione i contagi sono alle stelle ed il rapporto tamponi/abitanti è tra i più bassi d'Italia. Eravamo impreparati alla prima ondata ma, cosa più inaccettabile, lo siamo ancora di più nella seconda", attacca Francesca Frediani, Consigliera regionale del M5S.

"Le responsabilità sono evidenti e tutte in capo alla politica regionale. Indietro rispetto a quasi tutte le altre regione per posti letto di terapia intensiva, tamponi rapidi in farmacia annunciati in pompa magna ma non pervenuti, tamponi in ospedale con file chilometriche, USCA poche ed insufficienti, sistema di tracciamento allo sbando. Nel frattempo la Regione Lazio sta già sperimentando un efficace servizio (collegato al 118) di cure a domicilio per casi lievi, con triage telefonico ed intervento delle USCA presso il domicilio del paziente. Perché non si segue la stessa strada anche nella nostra Regione?".

"L'esplosione dei contagi in Piemonte e l'immobilismo dell'azione regionale sono alla base dei provvedimenti restrittivi, che si rendono necessari per tutelare la salute pubblica. Le tensioni sociali di questi giorni sono una conseguenza fin troppo prevedibile. Anziché alimentarle, con dichiarazioni ad effetto, la Giunta regionale farebbe bene ad occuparsi delle proprie competenze. La Sanità in primis, e di contrastare, in maniera efficace, la diffusione dei contagi".

"I numeri descrivono, meglio di ogni parola, il fallimento della Giunta Cirio e dell'assessore alla Sanità Icardi. Auspichiamo che la nostra mozione di sfiducia nei confronti del titolare della Sanità piemontese venga discussa al più presto. Non c'è più tempo", conclude Frediani.

"Oggi chi si reca in farmacia per chiedere un tampone rapido torna a casa a mani vuote. Questo è l’ennesimo passo falso dell’annuncite di Cirio, che non ha ancora imparato la lezione e fa nuovi danni: dietro alle parole per conquistarsi i titoli dei giornali ci sono pochissimi fatti", commenta Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi in Piemonte.

“Credo davvero che i test rapidi potranno essere una svolta dopo i mesi di caos nella gestione sanitaria piemontese all’emergenza Covid19 ma, di nuovo, la smania di protagonismo di Cirio sta creando solo disagi e nella situazione in cui è il Piemonte non ce lo possiamo permettere. I tanti piemontesi che da ieri sono disposti a fare il test rapido in farmacia sono rimasti a bocca asciutta non per colpa delle farmacie, che invece stanno correndo – prosegue Grimaldi – ma solo perché, ancora una volta, Cirio ha annunciato un progetto prima di averlo scritto da qualche parte. A cinque giorni dalla conferenza stampa ancora non è attivo il sistema di prenotazione dei test rapidi e neppure la rete che consentirà di tracciare i tamponi effettuati e gli esiti: non sarebbe stato meglio costruire tutto e poi annunciarlo?", si domanda Grimaldi.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore