/ Sanità

Sanità | 25 maggio 2020, 11:00

Interventi con il plasma iperimmune all’Aou: una decina i pazienti Covid curati positivamente

L’Aou di Novara è stato il terzo ospedale italiano a partire con la sperimentazione

Interventi con il plasma iperimmune all’Aou: una decina i pazienti Covid curati positivamente

Due mesi fa il Servizio di medicina trasfusionale, diretto dal dott. Gennaro Mascaro, dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara con la collaborazione della Direzione medica (in particolare il dott. Philippe Caimmi) e la Struttura di anestesia e rianimazione diretta dal prof. Francesco Della Corte aveva iniziato a testare l’utilizzo del plasma iperimmune da convalescenti (e per questo contenenti anticorpi) per la cura dei malati infettati da covid-19. L’Aou di Novara è stato il terzo ospedale italiano a partire con la sperimentazione, aderendo al protocollo del policlinico ‘San Matteo’ di Pavia.

A un mese e mezzo dal primo prelievo di plasma, i risultati sono altamente positivi 37 i donatori selezionati, 21 quelli da cui è stato prelevato il plasma e 9 (il decimo a inizio della prossima settimana) i pazienti trasfusi, non solo all’Aou di Novara ma anche in altri ospedali della Regione (Orbassano, Vercelli, Ivrea).

I risultati sono stati decisamente positivi e il Servizio di medicina trasfusionale dell’Aou ha deciso di continuare in sinergia con il “San Matteo” di Pavia e l’ospedale “Sant’Anna” di Pisa (scelti come centri capofila per la sperimentazione nazionale) anziché scegliere diverse alternative: «Una questione di coerenza con quanto realizzato finora – afferma il dott. Mascaro – e anche perché altre proposte avrebbero significato rinunciare a due mesi di lavoro altamente positivi e che hanno già permesso di curare una decina di pazienti».

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore