/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 03 aprile 2020, 17:30

Arona: La Croce – commercianti, ormai è guerriglia

Arona: La Croce – commercianti, ormai è guerriglia

E’ sempre alta la tensione ad Arona tra il candidato sindaco del raggruppamento che comprende Pd, lista “Senso Civico”, Forza Italia e Udc, Giovanni La Croce e i gestori di locali pubblici. Dopo il durissimo comunicato diffuso ieri dall’Ascom, che criticava pesantemente le prese di posizione di La Croce sul fatto che la Giunta Gusmeroli abbia approvato con una delibera l'ampliamento del dehor di uno dei locali della movida, oggi arriva la replica del candidato sindaco.

“La categoria dei bar e ristoranti che la sua associazione rappresenta è assai composita e non tutta coinvolta nella cosiddetta movida, fenomeno di cui taluni esercenti ne hanno la stessa visione critica del gruppo Senso Civico – scrive la Croce – Senso civico vuol prima di tutto dire rispettare la quiete pubblica, le leggi e i regolamenti. Se qualche locale subisce ordinanze di chiusura, vuol dire che viola le regole. Se viene più volte visitato dalle forze dell'ordine, vuol dire che qualche preoccupazione queste hanno. Senso civico vorrebbe che un'Associazione di categoria non scenda in campo pubblicamente a difendere chi (pur suo iscritto) quelle regole viola grazie alla compiacenza che chi doveva vigilare ha fornito al diffondersi del fenomeno. Inoltre dispiace che mi venga attribuito un termine che mai ho usato: "balordi". Senso civico vuol dire movida controllata e non movida sfrenata. Senso civico vuol dire contrastare lo spaccio e il vandalismo. Dunque se vogliamo parlarne seriamente, io sono a disposizione della categoria. Per gli endorsement a chi ha fatto dilagare il fenomeno basta questa risposta”

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore