/ Novara

Che tempo fa

Cerca nel web

Novara | 08 settembre 2019, 12:00

Trecate, nuova veste per lo “Stagno delle libellule”

Trecate, nuova veste per lo “Stagno delle libellule”

Lavori in corso al Bioparco Roggia Moretta: una ditta specializzata sta provvedendo alla manutenzione dello stagno delle libellule, un progetto voluto fin dal 2006 e realizzato negli anni successivi dalla Fondazione Trecate Ambiente Domani in collaborazione con il Comune di Trecate.
L’operazione è gratuita per il Comune: fa infatti parte delle opere compensative in capo a One Italy srl nell’ambito della realizzazione dell’intervento commerciale sulla S.P.11.
Il progetto originario, proposto dall’assessorato all’Agricoltura della Provincia di Novara in collaborazione con l’università di Pavia, prevedeva la realizzazione di stagni didattici per libellule da creare direttamente nei cortili delle scuole. A Trecate si è scelto invece di creare lo stagno al Bioparco Roggia Moretta in modo da rendere più rapida la colonizzazione delle libellule in quanto l’area è più vicina alla campagna e sensibilizzare maggiormente la cittadinanza senza limiti di orario per l’accesso diurno.
Lo stagno delle libellule serve da monito per accrescere la consapevolezza ambientale nella popolazione e d’aiuto nel migliorare le condizioni per lo sviluppo spontaneo delle libellule oltre a ottenere effetti positivi dal punto di vista igienico-sanitario in quanto questi insetti sono ghiotti di zanzare.
Le libellule sono indicatori della biodiversità e purtroppo alcune specie sono a rischio estinzione: le misure di conservazione attuate hanno ricadute positive in primis proprio su questi insetti e anche su altri gruppi animali e vegetali che popolano le nostre campagne.
Per tutti questi motivi l’Amministrazione reputa importante conservare lo “stagno delle libellule” nelle condizioni migliori per la proliferazione di questi insetti così utili per il nostro ambiente.


Redazione on line

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore