/ Politica

Politica | 29 gennaio 2024, 07:55

La Regione punta sulla internazionalizzazione del sistema economico produttivo piemontese

Nel 2024 fari puntati sull'automotive, nel 2025 sull'aerospazio

La Regione punta sulla internazionalizzazione del sistema economico produttivo piemontese

Internazionalizzazione del sistema economico produttivo piemontese: si continua sulla strada tracciata, in particolare attraverso il marketing intelligence e la realizzazione di grandi eventi, quali la Business Convention dedicata all’automotive nel 2024 e all’aerospazio nel 2025. Lo ha detto in terza Commissione, presieduta da Claudio Leone, l’assessore Fabrizio Ricca, che ha illustrato le cifre del bilancio di previsione 2024/26 relative a promozione internazionale.

Viene confermato quasi 1milione e 600mila euro nel 2024 per gli interventi di promozione del Piemonte nei settori dei beni industriali e per l’attrazione di investimenti dall’estero.
Ricca ha spiegato che ammonta invece a circa 16milioni di euro lo stanziamento per il triennio 2024-2026 per i progetti legati all’immigrazione.
Come è stato spiegato, si tratta esclusivamente di fondi europei e statali che vanno a finanziare piani regionali e progetti ad ampio respiro di portata triennale o quinquennale, quali la formazione linguistica per i cittadini stranieri, l’accessibilità ai servizi sanitari, l’inclusione lavorativa e la lotta allo sfruttamento lavorativo e sessuale.

È intervenuto per alcune delucidazioni il consigliere Diego Sarno (Pd).
A seguire è stata la volta dell’assessore al Lavoro, Elena Chiorino: le risorse circa il capitolo “Formazione - Lavoro” ammontano a 466,3 milioni per l’anno 2024, a 438,6 milioni per l’anno 2025 e 438,4 per l’anno 2026. Tra i vari interventi per il 2024, sulla missione mercato del lavoro sono previsti circa 79 milioni di euro, 339 milioni sulla politica regionale formazione-lavoro, 2,5 milioni sul sostegno all’occupazione e 42,6 milioni sulla formazione professionale.
Durante il dibattito sono intervenuti Sarah Disabato (M5s) che ha chiesto di avere dati e analisi sulle misure destinate agli ex percettori del reddito di cittadinanza per reinserirsi nel mondo del lavoro, e Sarno per avere chiarimenti su alcune riduzioni di fondi e sulle strategie per l’acquisizione di aziende in crisi.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore