/ Economia

Economia | 12 settembre 2023, 14:50

Export dei distretti piemontesi in aumento, Intesa Sanpaolo: "Crescita continua dal primo trimestre del 2021"

Secondo il monitor periodico 3,1 miliardi di euro, con un aumento dell’11,9%, rispetto al primo trimestre 2022

Export dei distretti piemontesi in aumento, Intesa Sanpaolo: "Crescita continua dal primo trimestre del 2021"

Nel primo trimestre 2023 l’export dei distretti piemontesi è stato pari a 3,1 miliardi di euro, con un aumento dell’11,9%, rispetto al primo trimestre 2022. Un risultato – come rileva il Monitor periodico elaborato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo - migliore della media nazionale (+7,1%). I distretti industriali piemontesi sono in crescita continua dal primo trimestre del 2021.

I dati evidenziano una netta ripartenza per i distretti del sistema moda piemontese, in crescita del 22% rispetto al primo trimestre 2022  (Oreficeria di Valenza +24,4% e Tessile di Biella +20,2%). Risultano in aumento dell’11,1% anche le esportazioni della meccanica distrettuale piemontese (Macchine utensili e robot industriali di Torino +30,5%; Macchine tessili di Biella +22,1%, Frigoriferi industriali di Casale Monferrato +12,1% e Rubinetteria e valvolame di Cusio-Valsesia +0,8%) e del 5,8% le esportazioni dei distretti agro-alimentari piemontesi (Riso di Vercelli +28,4%, Caffè, confetterie e cioccolato torinese +9,3%, Vini delle Langhe, Roero e Monferrato +4,4%, Nocciola e frutta piemontese +2,2% e Dolci di Alba e Cuneo +1,2%).

Sefano Cappellari, Direttore regionale Piemonte Nord, Valle d’Aosta e Sardegna di Intesa Sanpaolo, commenta: “Le imprese distrettuali sono la migliore espressione della capacità competitiva del Piemonte. L’aspetto ulteriormente positivo è che i distretti sono sistemi aperti, capaci di attrarre nel loro circolo virtuoso altre imprese. In questo risultano determinanti i rapporti di filiera, che Intesa Sanpaolo sostiene con un progetto dedicato, a livello regionale esteso a 84 filiere per un giro d’affari di quasi 10 miliardi di euro e 4.000 fornitori coinvolti.

Importante guardare avanti con investimenti in innovazione e per l’autonomia energetica - aggiunge -. Sebbene la situzione si stia normalizzando, la transizione energetica non è più una scelta procrastinabile. Il nostro Gruppo ha attivato un sistema di iniziative sia finanziarie che di supporto, in partnership con altri soggetti pubblici e privati. Abbiamo messo a disposizione 76 miliardi di euro per gli investimenti e attivato una linea di finanziamento SLoan Cer a cui si può abbinare la Garanzia green di Sace con un’agevolazione sul tasso di interesse e con un’ulteriore premialità nel caso in cui l’impresa destini parte dell’energia prodotta e non consumata alla Comunità energetica rinnovabile (CER)”.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore