/ Novara

Novara | 29 novembre 2022, 15:23

Mostra in occasione del Centenario della nascita di Don Luigi Giussani

Mostra in occasione del Centenario della nascita di Don Luigi Giussani

“Una mostra per ricordare la figura di don Luigi Giussani a cento anni dalla nascita. La propone il movimento di Comunione e Liberazione di Novara da mercoledi 30 novembre a domenica 4 dicembre. La mostra si intitola “Un impeto di vita” ed è dedicata alla figura del fondatore di Comunione e Liberazione. I pannelli espositivi verranno installati in Vescovado (piazza Puccini 11, Novara) presso la sala della Maddalena e i locali saranno aperti ai visitatori dalle 10 alle 18. L’ingresso è libero.

L’iniziativa, promossa dal Movimento di Comunione e Liberazione di Novara, verrà inaugurata mercoledì 30 novembre sera con un incontro alle 21.15 dedicato all’educazione, aperto a tutti e rivolto in particolar modo ad educatori e ai ragazzi, dal titolo: “Prof, lei perché si alza al mattino? Don Giussani, uno sguardo originale sull’educazione ”. Parteciperanno Francesco Barberis, preside dell’istituto S. Anna di Torino e don Andrea Mencarelli, docente di religione al liceo scientifico Vittorini di Milano.

L’appuntamento principale è previsto sabato 3 dicembre alle 18.30, all’incontro in cui dialogheranno su don Giussani il vescovo di Novara mons. Franco Giulio Brambilla e il teologo e docente di introduzione di teologia alla Cattolica di Milano don Pierluigi Banna.

Chi era don Luigi Giussani

Sacerdote milanese, nato a Desio nel 1922, don Giussani ha vissuto un'esistenza caratterizzata da uno sguardo originale sull'uomo e su tutti gli aspetti dell'esistenza, da una indomita passione educativa e dall'amore per i giovani, dall'impegno per una società più umana e più giusta . Questa eccezionalità e questo carisma scaturivano dall'incontro con Cristo e da una fede in grado di rispondere davvero alle esigenze fondamentali della vita.  "La vita di don Luigi Giussani ha lasciato una traccia indelebile nella storia. Migliaia di donne e di uomini, giovani e meno giovani, in Italia e nel mondo sono stati segnati, in un modo o nell’altro, dall’incontro con la sua persona; segnati al punto tale che la loro vita da questo incontro è stata irreversibilmente cambiata." (Davide Prosperi).  Recentemente papa Francesco, nell'udienza al movimento di  Comunione e Liberazione da lui fondato, ha ricordato che "La Chiesa riconosce la sua genialità pedagogica e teologica, dispiegata a partire da un carisma che gli è stato dato dallo Spirito Santo per l'utilità comune”. Dal carisma di don Giussani sono nate opere come Il Banco Alimentare, numerose scuole e istituti di formazione, opere caritative e sociali che hanno una incidenza importante nella vita del nostro Paese ma non solo; infatti la realtà del  movimento è diffusa ormai in più di  90 paesi in tutto il mondo.

Nel corso degli anni don Giussani è stato insignito anche di numerosi riconoscimenti da parte della società civile (ricordiamo ad es. il premio Isimbardi della Provincia di Milano nel 2002 e l'Ambrogino d'oro del Comune di Milano del 2022), che attestano la sua statura morale a la portata del suo contributo in diversi ambiti.

Comunione e Liberazione a Novara

Il movimento di Comunione e Liberazione è presente dalla fine degli anni 70 fino ad oggi in diverse realtà e parrocchie della città e della diocesi. Questa iniziativa è sostenuta da Nexus (associazione di volontariato nata negli anni 90 legata al movimento) e si propone di far conoscere a tutta la città ed approfondire la vita ed i tratti salienti della persona e dell'opera di don Giussani.”

Andrea Crepaldi, responsabile di Comunione e Liberazione di Novara, ha dichiarato: “questa iniziativa non vuole essere semplicemente una commemorazione di una figura importante come don Giussani, ma una testimonianza di come il carisma a lui donato sia vivo e presente ancora oggi "attraverso l’incontro con persone concrete, che ci permettono di accostarci a una realtà più grande, che è la comunità cristiana, la Chiesa. È nella Chiesa che l’incontro con Cristo rimane vivo. (Papa Francesco 15/10/2022)". Attraverso la mostra viene proposto un percorso di immedesimazione nell'esperienza di don Giussani per cogliere il suo sguardo sulla realtà e sul destino a cui ciascuno è chiamato. Anche gli incontri desideriamo siano la possibilità per chi parteciperà di un vero e proprio "incontro" con un'esperienza viva che parla alle nostre vite oggi; un'esperienza che prende dentro tutto e non chiede di censurare nulla: le fatiche, i dolori, le contraddizioni così come la bellezza e il gusto. Ed è una vita quella a cui invitiamo tutti coloro che vorranno partecipare, che non si esaurisce con i giorni del convegno ma continua in dentro la vita di tutti i giorni."

Per maggiori informazioni o richiesta di interviste, si prega di contattare la segreteria di CL, nella persona di Antonio Proto: mail: segreteriaclnovara@gmail.com tel: 3387095647

Files:
 locandinafinale V2 (685 kB)
 TELONEANELLATOV1 (451 kB)

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore