/ Sanità

Sanità | 16 luglio 2021, 17:15

Nursing Up: “I contratti degli infermieri a tempo determinato non verranno rinnovati. Chi li sostituisce?”

Delli Carri: “Per non rischiare di mettere in ulteriore difficoltà le strutture sanitarie per carenza di personale l’unica soluzione è indire subito un bando per le assunzioni”

Nursing Up: “I contratti degli infermieri a tempo determinato non verranno rinnovati. Chi li sostituisce?”

“Esprimiamo forte preoccupazione per gli organici dell’Asl astigiana (ma situazioni analoghe si verificheranno anche nelle altre aziende sanitarie piemontesi) dove gli infermieri che hanno un contratto a tempo determinato vedranno a breve scadere i loro contratti e, a quanto risulta fino a oggi, non verranno rinnovati. Ciò, porterà ad un drastico ridimensionamento degli organici con evidenti ripercussioni sui servizi erogati. In molte altre regioni d’Italia i contratti a tempo determinato che sono stati fatti in piena emergenza pandemica, e sono in scadenza, sono stati prolungati. In Piemonte no. Tale situazione rischia di creare grossi problemi all’Asl di Asti, dove gli infermieri saranno costretti a lasciare le loro postazioni senza essere sostituiti”. Lo afferma il sindacato degli infermieri e delle professioni sanitarie Nursing Up.

“Molti colleghi -sottolineano- stanno andando a lavorare nelle altre regioni, dove vengono offerti contratti a tempo indeterminato e dove sono stati fatti i concorsi. Con ospedali e Asl svuotate, come affronteremo i turni estivi, ma soprattutto le emergenze dei prossimi mesi ed eventuali nuove ondate di contagi?

Il Segretario regionale del Nursing Up Piemonte, Claudio Delli Carri e il dirigente Sindacale Nursing Up di Asti, Enrico Mirisola, sottolineano l’urgenza di un intervento della Regione: “Va compreso che è necessario procedere subito alle assunzioni per non mandare in tilt gli organici, per non rischiare di mettere in ulteriore difficoltà le strutture sanitarie per carenza di personale. L’unica soluzione è indire il prima possibile un bando per le assunzioni. Non possiamo permetterci di affrontare eventuali nuove emergenze con una grave carenza di personale. La situazione di Asti, con la perdita dei colleghi che hanno un contratto a termine, potrebbe presto diventare critica”.

 

Aggiunge il segretario regionale Delli Carri: “Ciò che accade ad Asti, sta accadendo anche nelle altre aziende piemontesi. Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo, la via maestra è provvedere subito a realizzare un concorso regionale per l’assunzione di infermieri con il quale si possano creare adeguate graduatorie per tutte le aziende sanitarie del Piemonte. È imprescindibile fare in modo di preservare il patrimonio professionale di esperienze e capacità rappresentato dagli infermieri che hanno un contratto a tempo determinato e hanno lavorato in questi mesi difficilissimi affinando la loro integrazione nelle realtà in cui hanno operato. Sarebbe folle rinunciare proprio ora a questo patrimonio professionale acquisito. Vanno fatte subito, velocemente, le necessarie assunzioni. La Regione batta un colpo”.

 



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore