/ Politica

Politica | 19 maggio 2021, 10:40

Test del Dna prenatale, Luv: "La Regione si è impegnata a renderlo gratuito, ora approvi le delibere"

Grimaldi: “Tante donne non possono sostenere un costo fra i 500 e i 700 euro e sono costrette a rinunciarvi. Non possiamo accettare che le diseguaglianze sociali neghino il pieno diritto alla salute"

Test del Dna prenatale, Luv: "La Regione si è impegnata a renderlo gratuito, ora approvi le delibere"

A febbraio il Consiglio Regionale ha approvato due ordini del giorno per garantire la gratuità del Nipt test (Test del DNA prenatale) per tutte le donne in stato di gravidanza residenti in Piemonte, da erogare attraverso il Sistema Sanitario Regionale, indipendentemente dall’età e dalla presenza di fattori di rischio, e per chiedere alla Conferenza delle Regioni di inserire il Nipt test all’interno dei Lea.

"Tuttavia - accusa il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, che oggi ha presentato in Aula un question time sull'argomento - a oggi la Giunta non ha approvato alcuna delibera per rendere effettivi questi impegni e la Sanità regionale non sta erogando il servizio".

L'Assessore Icardi - spiega Grimaldi - ha rimandato alla necessità, da parte del Ministero, di inserire il test nei Lea e ha fatto sapere che 'sono in corso valutazioni' per introdurre il Nipt a livello regionale, ma l'impegno è stato preso e va rispettato senza attendere che si muova il Governo”. “Toscana ed Emilia Romagna hanno già reso questo esame gratuito o rimborsabile, possiamo e dobbiamo farlo anche noi. Amniocentesi e villocentesi saranno sempre meno utilizzate per sapere se il feto presenta o meno alterazioni cromosomiche, perché comportano comunque un rischio, il Nipt è il test del futuro, ma la verità è che solo chi può permetterselo lo fa: tante donne non possono sostenere un costo fra i 500 e i 700 euro e sono costrette a rinunciare al test prenatale più sicuro e meno invasivo che ci sia. Non possiamo accettare che le diseguaglianze sociali neghino a qualcuno il pieno diritto alla salute".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore