/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 16 maggio 2021, 13:00

Amazon cerca personale per il Centro di Distribuzione di Agognate

Sono richieste figure manageriali e operatori di magazzino

Amazon cerca personale per il Centro di Distribuzione di Agognate

Amazon prosegue la selezione per le figure manageriali e di supporto per il centro di distribuzione di Novara. Dagli Operations manager agli ingegneri, ai ruoli nelle Risorse Umane e IT fino a coloro che si occuperanno della gestione degli ordini dei clienti; sono numerose le posizioni per cui è ancora possibile candidarsi attraverso il sito amazon.jobs.

Il nuovo centro di Agognate, frazione del comune di Novara, la cui apertura è prevista entro il prossimo autunno, permetterà ad Amazon di creare 900 posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni dall'apertura, che si andranno ad aggiungere agli oltre 9.500 già creati dell'azienda nel Paese.

Tra le figure ricercate: Team Lead, responsabili della gestione del turno, della supervisione e del coinvolgimento dei team di operatori di magazzino nelle varie aree del centro;

Specialista Sicurezza sul Lavoro, per il team Health and Safety (EHS), si occuperà di individuare, coordinare e gestire miglioramenti nell'ambito della sicurezza sul lavoro;

ICQA Lead, che si occuperà di guidare un team di dipendenti nelle mansioni quotidiane, fornendo loro formazione e feedback;

Safety Coordinator, coordinatore della Sicurezza, si occuperà di tutte le tematiche e verifiche legate ai temi della sicurezza sul lavoro;

Operations Manager, che coordinerà un gruppo di Area Manager, motivandoli e ispirandoli a migliorare i processi all'interno del magazzino;

Senior Reliability Maintenance Engineering Technician, che sarà a capo di un team di tecnici manutentori e si occuperà di garantire la sicurezza dei lavoratori e dell'impianto, partecipando a progetti di sviluppo della manutenzione;

Manutentore elettrico/meccanico, che si occuperà di assicurare la conformità alle normative e alle politiche in materia di sicurezza, garantire l'esecuzione delle operazioni di manutenzione preventiva secondo la tempistica prevista e nel rispetto degli standard più elevati e fornire alti livelli di disponibilità delle apparecchiature attraverso il miglioramento continuo;

IT Support Engineer, che si occuperà di costruire e gestire ambienti infrastrutturali per garantire l'efficiente funzionamento della piattaforma.

Inoltre, Amazon ha avviato le selezioni anche per gli operatori di magazzino. È possibile candidarsi al sito www.lavora-con-amazon.it. Chiunque sia interessato a lavorare in Amazon avrà anche la possibilità di iscriversi agli incontri virtuali (Recruiting Day), organizzati dalle agenzie per il lavoro che collaborano con Amazon per la selezione del personale di magazzino, durante i quali sarà presentato nel dettaglio come funzionerà il processo di selezione e le peculiarità delle mansioni.


Salvatore Schembri Volpe, amministratore delegato di Amazon Italia Logistica, ha commentato: 7 lavori per la realizzazione del centro di Novara procedono secondo i tempi stabiliti per cui siamo fiduciosi che l'apertura avverrà entro l'autunno. Si tratta del terzo centro di distribuzione in Piemonte, dopo quelli di Vercelli e Torrazza Piemonte (TO), dove abbiamo già creato oltre 1.950posti di lavoro a tempo indeterminato. Negli ultimi dieci anni abbiamo investito in modo significativo nel Paese e abbiamo assunto, in un ambiente di lavoro sicuro, moderno e positivo, migliaia di lavoratori di talento che ricevono salari competitivi e numerosi benefit sin dal primo giorno.

L'arrivo di Amazon a Novara - spiega il Sindaco di Novara Alessandro Canelli - rappresenta un tassello importantissimo all'interno del piano strategico di sviluppo e crescita della città e del territorio. Lo è perché ovviamente darà possibilità occupazionali anche molto qualificate a centinaia di persone, specialmente dopo l'emergenza sanitaria ed economica che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo, lo è perché stiamo parlando di una azienda costantemente orientata all'innovazione e al raggiungimento di alti standard qualitativi, lo è perché il progetto di insediamento prevede il rispetto della biodiversità dell'area con importanti e rilevanti compensazioni sotto il profilo ambientale e naturalistico”.

I dipendenti saranno assunti al quinto livello del Contratto Nazionale del Trasporto e della Logistica con un salario d'ingresso pari a €1.550 lordi, tra i più alti del settore, e numerosi benefit.

11 sito costituirà un rilevante fattore di crescita economica e occupazionale per il territorio di Novara dei comuni limitrofi. Si tratta del quarto centro logistico Amazon in Piemonte, dopo i due centri di distribuzione di Vercelli e Torrazza Piemonte (TO) e il deposito di smistamento a Brandizzo (TO). Nella regione, l'azienda ha già creato 1.950 posti di lavoro a tempo indeterminato. Per il 2021, Amazon ha inoltre annunciato l'apertura di un nuovo deposito di smistamento ad Alessandria.

Amazon è un'azienda certificata Top Employer, un riconoscimento attribuitole per la qualità dell'ambiente di lavoro, le opportunità di formazione e i piani di carriera offerti ai dipendenti in Italia. La certificazione riguarda tutte le attività di Amazon in Italia, comprese quelle legate al sito web Amazon.it, le attività logistiche, i servizi cloud di Amazon Web Services, ecc.

II nuovo centro sarà operativo entro il prossimo autunno e sarà una struttura sostenibile che integrerà sistemi per il risparmio energetico riducendo l'impronta ambientale. L'energia prodotta grazie a pannelli fotovoltaici posti sulla copertura del magazzino alimenterà l'intero centro, che sarà dotato di circa 1000 kW. L'edificio è gestito dal BMS (Buliding Management System), un sistema che permette una gestione intelligente dell'utilizzo e della manutenzione dell'immobile. Anche la mobilità avrà un'impronta di sostenibilità in quanto il parcheggio sarà dotato di colonnine di ricarica per le auto elettriche e inoltre verrà incentivato il sistema di trasporto tramite biciclette con la realizzazione di nuove piste ciclabili per incrementare i percorsi cittadini. L'immobile avrà la certificazione BREEAM (Building Research Establishment Environmental Assessment Method) con la valutazione “Very Good". Per preservare l'equilibrio e la biodiversità del territorio, saranno realizzate aree verdi e spazi alberati adeguatamente progettati nell'armonia dell'insieme. A Novara la progettazione del verde, pensata per integrarsi con il contesto, ha l'obiettivo di riqualificare l'area rurale e boschiva con un'attenzione particolare alla preservazione della flora e della fauna: 15 ettari dedicati a verde con 1.500 tra arbusti ed alberi, la riqualificazione di 9 ettari del bosco di Agognate con 11.000 nuovi alberi, insieme all'utilizzo di sole specie autoctone, rappresentano solo una parte delle iniziative a tutela dell'ecosistema locale. Il progetto prevede infatti la riqualificazione di un tratto delle sponde del canale Cavour, la rinaturalizzazione delle sue sponde nell'ottica di garantire la biodiversità di flora e fauna. Barriere vegetali infine verranno create tra le aree naturali e quelle urbanizzate a protezione della fauna.

Tali sviluppi sono in linea con il Climate Pledge, l'impegno co-fondato e firmato lo scorso anno da Amazon e Global Optimism con la finalità di raggiungere gli obiettivi stabiliti dall'Accordo di Parigi dieci anni prima e di conseguire zero emissioni di CO2 entro il 2040.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore