/ 

| 03 marzo 2021, 11:30

PD: “Vogliamo certezze per il trasporto pubblico e una vera riforma della medicina territoriale piemontese”

Gallo-Rossi: “Non condividiamo né la metodologia dello 'spezzatino normativo' né la scelta di finanziare la medicina generale con il fondo destinato al trasporto locale. Entrambi i settori hanno un’importanza cruciale”

PD: “Vogliamo certezze per il trasporto pubblico e una vera riforma della medicina territoriale piemontese”

“Il Gruppo del Partito Democratico ha, più volte, ribadito l’importanza di salvaguardare il fondo destinato al trasporto pubblico locale che la Giunta Cirio ha depauperato per destinare risorse alla sanità. Dopo una dura battaglia in Commissione prima e in Aula che ha raggiunto lo scopo di preservare, almeno in parte, il fondo, abbiamo ottenuto l’approvazione di un ordine del giorno con impegni chiari e concreti sul tema del trasporto pubblico locale” dichiarano il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo e il Vicepresidente della Commissione Sanità Domenico Rossi.

“Entrando nel dettaglio dell’atto di indirizzo – proseguono i Consiglieri dem – abbiamo impegnato la Giunta a prevedere il reintegro del fondo del trasporto pubblico come priorità politica di scelta su eventuali fondi nazionali destinati alla Regione e a risorse che si libereranno da eventuali rinegoziazioni di mutui della Regione nel corso di quest’anno. Un secondo impegno è quello di salvaguardare il fondo destinato al tpl, prevedendo il ristoro degli 8 milioni sottratti attraverso la destinazione delle risorse in corso di definizione con il MEF. Infine, qualora non si potesse ripianare il fondo attraverso risorse nazionali, la Regione provvederà a farlo con fondi propri nel prossimo Assestamento di Bilancio”.

“Non abbiamo mai messo in discussione l’importanza di una legge a favore dei medici di medicina generale e nemmeno la necessità di potenziare la nostra sanità che, anzi, dovrà essere ridisegnata e riorganizzata, anche alla luce delle tante criticità che la pandemia ha drammaticamente evidenziato. Tuttavia, non condividiamo né la metodologia dello “spezzatino normativo” né  la scelta di finanziare la medicina generale con il fondo destinato al tpl. Entrambi i settori hanno un’importanza cruciale” commentano Gallo e Rossi.

“Con un altro ordine del giorno - a prima firma Rossi -, che verrà votato nella prossima seduta, abbiamo chiesto che il Recovery Fund sia l’occasione per potenziare davvero il territorio, a partire dalle Case di Comunità, gli Ospedali di Comunità, la telemedicina, i servizi domiciliari un piano di assunzioni straordinario. La sola medicina di gruppo non è sufficiente per rispondere ai nuovi bisogni di salute dei piemontesi” spiegano Gallo e Rossi.

“Vigileremo affinché vengano rispettati gli impegni. Non permetteremo passi indietro o risarcimenti parziali. Esigiamo certezze per il mondo dei trasporti. E vogliamo tempestività e certezze sulla sanità a partire dalla scrittura di un nuovo piano sociosanitario.” concludono gli esponenti del Gruppo Pd.




C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore