/ Attualita'

Attualita' | 28 dicembre 2020, 09:03

Piemonte di nuovo in zona arancione

Ecco cosa si può fare e cosa no

Piemonte di nuovo in zona arancione

Dopo la zona rossa di Natale il Piemonte, come il resto d'Italia, torna arancione. Da oggi a mercoledì e poi ancora lunedì 4 gennaio scatterà la zona arancione, secondo quanto stabilito dal decreto di Natale del 3 dicembre.

Ecco cosa si può fare e cosa no.

Spostamenti

Ci si può sempre muovere per ragioni di lavoro, necessità e urgenza e per fare ritorno alla propria residenza, al proprio domicilio o alla propria abitazione. Tra le motivazioni per cui l'esigenza di spostarsi è comprovata rientrano l'assistenza a genitori non autosufficienti, le visite ai figli per i genitori separati, i ricongiungimenti delle coppie in un unico appartamento.

Uscite nel proprio comune

Sì ci si può spostare liberamente all'interno del proprio Comune, uscire per una passeggiata, mantenendo sempre la distanza di un metro dagli altri e indossando la mascherina, o andare a correre in un parco. Tra le 5 e le 22 di sera non è necessario presentare alcuna autocertificazione per giustificare gli spostamenti. Alle ore 22 scatta invece il coprifuoco e gli spostamenti sono nuovamente limitati a ragioni di lavoro, necessità e urgenza. Ed è necessaria l'autocertificazione.

Bar e ristoranti

Bar, ristoranti, pub, pasticcerie e pizzerie sono apertima solo con servizio di asporto o consegna a domicilio.

Negozi

I negozi rialzeranno tutti le serrande e resteranno aperti con orario prolungato fino alle 21. Nei giorni festivi e prefestivi resteranno invece chiusi i centri commerciali.

È possibile spostarsi in un Comune diverso dal proprio?

No, gli spostamenti verso altri Comuni sono vietati, salvo specifiche esigenze urgenti o necessità. Ci sono però due deroghe a questa norma: ci si può muovere per andare a visitare un parente o un amico, recandosi presso un’abitazione privata, all’interno della stessa Regione, una sola volta al giorno, con l’autocertificazione, e al massimo in due (più eventuali minori di 14 anni); e ci si può spostare anche in più di due fuori dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, percorrendo una distanza non superiore a 30 chilometri e senza recarsi nel capoluogo di provincia.

È possibile accompagnare i propri figli dai nonni per andarli a riprendere all'inizio o al termine della giornata di lavoro?

È possibile ma fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da Covid-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone.

Chiese e cimiteri 

Sono aperti dalle 5 alle 22.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore