/ Politica

Politica | 14 settembre 2020, 17:16

Molinari (Lega): “L’ordinanza Cirio è un ‘tampone’ al caos Azzolina”

Il capogruppo del Carroccio alla Camera: "Sacrosanta l'aziomedella Regione Piemonte". Duro anche Forzese (FdI): "La situazione generata dagli errori del Ministro dell'Istruzione"

Molinari (Lega): “L’ordinanza Cirio è un ‘tampone’ al caos Azzolina”

"Sacrosanta l'ordinanza della Regione Piemonte. Un 'tampone' al caos scuola causato dal ministro Azzolina, che fa lo scaricabarile sulle famiglie obbligandole a certificare la temperatura dei propri figli". Così il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari.

"Grazie all'ordinanza del governatore Cirio, invece, nelle scuole del Piemonte - dove ad oggi ci sono 20mila cattedre vuote - è previsto un controllo ulteriore da parte della scuola. Tutto ciò a tutela degli studenti, ma anche dei docenti e dei presidi, che hanno responsabilità anche di natura penale in caso di contagi. Piuttosto, con tutti i fantamiliardi spesi, perché il governo non ha dotato le scuole di termoscanner?".

"Come molti indicatori facevano presagire, il rientro a scuola è avvenuto nel caos più totale: il Ministro Azzolina ha creato il problema con norme bizantine ed eccessivamente tecnicistiche, GTT ha rincarato la dose non garantendo un adeguato potenziamento delle linee scolastiche," attacca Enrico Forzese di Fratelli d'Italia.

"Ci chiediamo il senso profondo delle misure tecnicistiche del governo quando, nei fatti, non è stato possibile rispettare le distanze interpersonali né sugli autobus, né agli ingressi degli Istituti. Si tratta, ancora una volta, di pura e semplice demagogia da parte del governo: servono più fondi per permettere agli enti di trasporto di potenziare a sufficienza il servizio e servono norme chiare per impedire l'affollamento agli ingressi", continua l'esponente di Fratelli d'Italia.

"Ho voluto monitorare in prima persona un ingresso ed un'uscita scolastica, oggi, così come due linee GTT. Il risultato è catastrofico, GTT corra subito ai ripari per non vanificare quanto fatto fin'ora, altrimenti, ancora una volta, il governo ne sarà pienamente responsabile", conclude Forzese.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore