/ Politica

Politica | 12 maggio 2020, 10:00

Riparti Piemonte, Bonomo e Valle (Pd): "Gli sfortunati sono stati esclusi, la Regione corregga la rotta"

Il Partito Democratico promette battaglia in Consiglio regionale

Riparti Piemonte, Bonomo e Valle (Pd): "Gli sfortunati sono stati esclusi, la Regione corregga la rotta"

"Sentiamo da almeno una settimana il presidente Alberto Cirio annunciare su tutti i media che arriveranno dalla Regione 101 milioni di euro di finanziamenti per le imprese. Bene, siamo assolutamente consci dell'importanza di sostenere chi sta soffrendo per questa crisi, ma apprendiamo purtroppo che ancora molte categorie sono rimaste escluse dal suo interesse. Il Governo, invece, ha inserito nel decreto Rilancio una misura che riconoscerà aiuti a fondo perduto a tutte le categorie in base alle perdite subite". Dura la presa di posizione della deputata Francesca Bonomo e del consigliere regionale Daniele Valle (Pd) sul disegno di legge “Riparti Piemonte”.

"Non si tratta di settori di nicchia o difficili da individuare, anzi - prosegue Bonomo - siamo di fronte ad attività importanti e anche molto diffuse, che sono rimaste chiuse tanto quanto tutte le altre. Nello specifico risultano attualmente non coperte dal Riparti Piemonte: le agenzie di viaggio (che hanno subito fra i colpi più duri perché hanno cominciato a perdere incassi fin dalla prima fase cinese dell'emergenza Coronavirus), hotel e bed and breaskfast (che finché non riparte il turismo internazionale saranno sempre molto affanno), guide turistiche (idem come gli hotel), librerie (che Cirio ha deciso di mantenere chiuse anche quando il governo ne aveva autorizzato la riapertura), cartolibrerie, cinema (che verranno letteralmente divorati dalle piattaforme di streaming), benzinai, tatuatori, e tutto il terzo settore, inclusi Soms e Circoli".

Il Pd promette battaglia in Consiglio regionale. "Per questo in sede di discussione del provvedimento - conclude Valle - evidenzieremo queste lacune che vanno coperte quanto prima. Il Piemonte riparte solo se tiene a bordo il maggior numero di persone e attività, altrimenti aumenteranno le disuguaglianze con forti conseguenze per la tenuta sociale del Paese".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore