/ Attualità

Attualità | 24 aprile 2024, 19:00

I novaresi Antonio Colasanto e Raffaele Vitagliano nella top five al Campionato Mondiale di Pizza

Lo chef ed ex concorrente di Masterchef e il pizzaiolo hanno proposto un prodotto che valorizza i prodotti piemontesi

I novaresi Antonio Colasanto e Raffaele Vitagliano nella top five al Campionato Mondiale di Pizza

Lo chef ed ex concorrente di Masterchef Antonio Colasanto e il pizzaiolo Raffaele Vitagliano, entrambi novaresi, si sono classificati al quinto posto al Campionato Mondiale della Pizza 2024.

Una grande soddisfazione per entrambi, che unendo le forze hanno creato una pizza gourmet: “Una pizza che ha come protagonista il topinambur, in crema come base e in chips sottili fritte con l’aggiunta di caramello con gli scarti tostati in forno, messi in una casseruola con il ghiaccio e gli aromi. Una volta filtrato il tutto, la riduzione. Insomma, un prodotto utilizzato completamente, tanto che la pizza l’abbiamo chiamata ‘Topinambur 100%”, spiegano i due chef. “Abbiamo usato anche la robiola di Roccaverano, formaggio di capra straordinario – aggiunge Colasanto – poi le capesante nappate nel burro e rosmarino, una crema di aglio nero (fermentato, dolce, che sa di liquirizia, cacao e cioccolato) e il tartufo nero. Questa la nostra pizza conclusa con i fiori di rosmarino stesso, di colore viola, per dare continuità in ogni dettaglio”.

Una ricetta unica, dunque, con un impasto anche piemontese. “Una pizza ricca di ingredienti e con farina di riso biologica – aggiunge Vitagliano – lievito madre e un pre-fermento biga e una fermentazione di 50 ore totali, in modo da garantire una friabilità e croccantezza giuste, un’opportuna scioglievolezza per il palato nella degustazione di tutti gli elementi in ricetta”.

Un ottimo risultato per la coppia novarese, che esprime la propria soddisfazione: “Se ci riproviamo sarà per fare meglio – assicurano – e comunque questa esperienza è la dimostrazione che il territorio novarese ha tanto da offrire. Siamo soddisfatti del risultato e del fatto che due giovani come noi si mettano in gioco e uniscano le forze, e che i locali noti in città ‘Civico 27’ e ‘Bevi con Mosca – Enoteca e Cucina’ facciano rete per cercare di dare sempre più visibilità al territorio e al novarese. La vera vittoria è creare continuamente dei legami e utilizzare le eccellenze enogastronomiche della zona con un unico obiettivo comune, esaltare e portare in alto il nome della città di Novara”.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore