/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2024, 12:00

Il grande restyling dell'Istituto De Pagave a Novara

Un cantiere da 3 Milioni di Euro per rendere moderna e funzionale l'iconica struttura Novarese

Il grande restyling dell'Istituto De Pagave a Novara

Va avanti a grandi passi il cantiere che negli ultimi mesi sta ridisegnando il volto dell’istituto De Pagave, la storica “casa dei nonni” novaresi che da alcuni mesi è stato affidato in concessione alla Cooperativa Sociale Nuova Assistenza. Un cantiere il cui valore complessivo è di circa 3 milioni di euro, e che sta consentendo di intervenire sia su aspetti funzionali non più adeguati od obsoleti, sia sull’estetica, con un restyling radicale. Come ha spiegato nei giorni scorsi il presidente Davide Porta in commissione politiche sociali in Comune, i lavori sono iniziati lo scorso settembre si prevede di concluderli entro la fine del 2024.

Lavori, come detto, che stanno affrontando carenze e limiti strutturali dovuti all’obsolescenza: ad esempio il tetto è stato completamente rifatto eliminando 3200 metri quadrati di eternit, e sono state sostituite le celle frigorifere (con un costo di 30.000 euro). Nella parte residenziale, come ha illustrato il progettista dell’intervento, architetto Riccardo Benvenuti, è già stata completata la ristrutturazione del primo e il terzo piano, “per i quali abbiamo utilizzato i nostri standard abituali, anche nella scelta dei colori”. Sono in corso gli interventi al secondo e al quarto piano erano collocati i mini alloggi. Interventi sono previsti anche sull’esterno: sono già state tolte le vecchie tende e sarà riorganizzato lo spazio all’aperto, in particolare il giardino. Il progetto non prevedeva interventi sul piano terra, “ma - ha detto il presidente Porta - stiamo pensando ad alcuni lavori per rendere più accogliente l'ingresso della struttura”.

ECV

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore