/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 06 marzo 2023, 17:00

Frammenti di Memoria: gli studenti incontrano Edith Bruck, sopravvissuta alla Shoah

A partire dal libro 'Il Pane Perduto' gli alunni e l'autrice si confronteranno sulle pagine più oscure della storia d’Europa

Frammenti di Memoria: gli studenti incontrano Edith Bruck, sopravvissuta alla Shoah

Il 7 marzo alle ore 11:30 studentesse e studenti delle scuole superiori della provincia di Verbania e della provincia di Novara incontreranno online la scrittrice ungherese sopravvissuta alla Shoah Edith Bruck. L'iniziativa rientra nella seconda edizione della rassegna “Frammenti di Memoria” ed è realizzata con la collaborazione dell’Associazione Progetto Memoria di Roma e del Cobianchi di Verbania.

A partire dal libro 'Il Pane Perduto', edito da la Nave di Teseo (gennaio 2021), vincitore del Premio Strega Giovani 2021 e del Premio Letterario Viareggio-Rèpaci 2021, gli studenti e l'autrice si confronteranno sulle pagine più oscure della storia d’Europa.

Edith Bruck sorvola sulle ali della memoria eterna i propri passi, scalza e felice con poco come durante l’infanzia, con zoccoli di legno per le quattro stagioni, sul suolo della Polonia di Auschwitz e nella Germania seminata di campi di concentramento. Miracolosamente sopravvissuta con il sostegno della sorella più grande Judit, ricomincia l’odissea. Il tentativo di vivere, ma dove, come, con chi? Dietro di sé vite bruciate, comprese quelle dei genitori, davanti a sé macerie reali ed emotive. Il mondo le appare estraneo, l’accoglienza e l’ascolto pari a zero, e decide di fuggire verso un altrove. Che fare con la propria salvezza? Bruck racconta la sensazione di estraneità rispetto ai suoi stessi familiari che non hanno fatto esperienza del lager, il tentativo di insediarsi in Israele e lì di inventarsi una vita tutta nuova, le fughe, le tournée in giro per l’Europa al seguito di un corpo di ballo composto di esuli, l’approdo in Italia e la direzione di un centro estetico frequentato dalla “Roma bene” degli anni Cinquanta.

Infine, l’incontro fondamentale con il compagno di una vita, il poeta e regista Nelo Risi, un sodalizio artistico e sentimentale che durerà oltre sessant’anni. Fino a giungere all’oggi, a una serie di riflessioni preziosissime sui pericoli dell’attuale ondata xenofoba, e a una spiazzante lettera finale a Dio, in cui Bruck mostra senza reticenze i suoi dubbi, le sue speranze e il suo desiderio ancora intatto di tramandare alle generazioni future un capitolo di storia del Novecento da raccontare ancora e ancora.

L’incontro sarà aperto da Riccardo Brezza, assessore alla Cultura della Città di Verbania, da Giuseppina Motisi, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Verbania, da Vincenza Maselli, dirigente scolastica dell’IIS L. Cobianchi di Verbania e da Lello Dell’Ariccia, presidente dell’Associazione Progetto Memoria di Roma, introdotto da Elena Mastretta, direttrice Scientifica e responsabile della sezione sidattica dell’Istituto Storico “P. Fornara” di Novara di Novara e del Verbano Cusio Ossola e da Federica Caniglia, collaboratrice della sezione didattica dell’Istituto Storico “P. Fornara e moderato da Anna Esposito, componente del direttivo dell’Associazione Progetto Memoria di Roma.

“Frammenti di memoria” è organizzata dall’Istituto Storico della Resistenza “Piero Fornara” di Novara e del Verbano Cusio Ossola, con la collaborazione e il patrocinio dell’ Istituto Nazionale “F. Parri”, della Comunità Ebraica di Vercelli, Biella, Novara e VCO, della Città di Verbania, della Città di Domodossola, della Biblioteca Civica “P. Ceretti” di Verbania, della Società Filosofica Italiana sezione di Verbania, della Casa della Resistenza di Verbania, dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Verbania, dell’Associazione per lo Sviluppo della Cultura di Studi Universitari e della Ricerca nel Verbano Cusio Ossola - E.T.S (ARS. UNI.VCO), del Centro di Documentazione Europea del Verbano Cusio Ossola, dell’Associazione dei laureati dell’Università del Piemonte Orientale (UPO ALUMNI), del Centro Interdipartimentale UPONTOURISM dell’Università del Piemonte Orientale, dell’Associazione “Progetto Memoria” di Roma, del Museo della Resistenza “Alfredo Di Dio” di Ornavasso (VB), dell’Associazione Arcigay “Nuovi Colori” di Verbania, di Anpi Comitato Provinciale di Verbania e Comitato Provinciale di Novara, della F.I.V.L e con la collaborazione della S.MS. “G. Floreanini” di Domodossola (VB) e del teatrino al Forno del Pane fondato da Giorgio Buridan.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore