/ Cronaca

Cronaca | 24 febbraio 2023, 19:08

Truffe agli anziani: i carabinieri di Canelli arrestano due cittadini dell'Est Europa a Novara

I due presunti autori avevano convinto un canellese che la nipote era stata coinvolta in un incidente chiedendo 30mila euro per le spese legali

Truffe agli anziani: i carabinieri di Canelli arrestano due cittadini dell'Est Europa a Novara

A dicembre scorso due truffatori avevano contattato un anziano di Canelli riuscendo a farsi consegnare un totale di quasi 30mila euro tra oro e contanti.

I malviventi avevano contattato la vittima per telefono, riuscendo a convincerla che una nipote era rimasta coinvolta in un grave sinistro stradale e che servivano urgentemente dei soldi, circa 30mila euro, per coprire le prime spese legali connesse all’evento. Dopo la telefonata, l’anziano era stato raggiunto a casa da una donna, per ritirare il denaro ed i preziosi, perfezionando, così, la truffa.

Resosi poi conto di essere stato raggirato, l’anziano aveva denunciato il fatto ai Carabinieri di Canelli. I militari si sono attivati immediatamente e, a seguito di una complessa e articolata attività investigativa, coordinata della Procura della Repubblica di Asti, sono riusciti ad identificare gli autori, ricostruendo la dinamica, ed ottenere, a loro carico, due ordinanze di custodia cautelare in carcere.

L'arresto a Novara

Mercoledì mattina all'alba, i carabinieri hanno catturato i due presunti autori della truffa nelle loro abitazioni di Novara. Gli arrestati sono due cittadini originari dell’Est Europa, una donna, Esmeralda Hudorovich  di 28 anni, la persona che aveva provveduto a ritirare il denaro e un uomo, il telefonista, Guciu Lakatosz di 37 anni.

Le indagini dei carabinieri di Canelli hanno evidenziato i compiti ben definiti di ciascuno dei due nell’organizzare la truffa: l’uomo si era occupato di contattare telefonicamente la vittima e convincerla a preparare la somma richiesta, facendo leva sulla preoccupazione e l’affetto per il congiunto coinvolto nel falso incidente, mentre la donna si era recata a ritirare il denaro e l’oro facendosi accompagnare da un taxi presso il domicilio del malcapitato. Inoltre gli inquirenti non escludono che la presunta coppia di truffatori possa essersi resa responsabile di analoghi reati nel nostro territorio.

Un'attività anche di prevenzione da parte dei Carabinieri

"Questa attività - spiegano i carabinieri - si inquadra tra quelle poste in essere dal Comando Provinciale di Asti per contrastare e debellare l’odioso fenomeno delle truffe con vittime persone a minorata difesa, a cui si affianca quella preventiva capillarmente svolta in tutti i Comuni del territorio della Provincia attraverso la calendarizzazione di numerosi incontri presso parrocchie, sale comunali e altri luoghi di aggregazione finalizzati a sensibilizzare i cittadini per contrastare sul nascere il fenomeno.

L'indagine è ancora in corso per acquisire gli elementi idonei a superare l’attuale presunzione di non colpevolezza degli indagati.

Betty Martinelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore