/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 24 gennaio
martedì 17 gennaio
martedì 10 gennaio
martedì 03 gennaio
martedì 27 dicembre
martedì 20 dicembre
martedì 13 dicembre
martedì 06 dicembre
martedì 29 novembre
martedì 22 novembre

Il Punto di Beppe Gandolfo | 06 dicembre 2022, 08:40

Corsa al Natale sempre più in anticipo

"Sono convinto che arriveranno a lanciare il Natale già dal ritorno dalle vacanze. Una corsa senza freni che ha un unico obiettivo. Incrementare il consumismo, peraltro sempre più sfrenato. Anche il Black Friday e la stagione degli sconti sono finalizzati ad anticipare gli acquisti per i regali".

Corsa al Natale sempre più in anticipo

Ricordo quand’ero bambino che mio papà dedicava il giorno dell’Immacolata, cioè l’8 dicembre, alla preparazione dell’albero di Natale e del presepe. Lì cominciava la grande attesa per la festa più bella dell’anno. Ora, da diverse settimane, è partita la corsa al 25 dicembre: dalle vetrine dei negozi, alle pubblicità in tivù, su cartelloni e siti web, dai panettoni nei supermercati, alle luminarie già spuntate in decine di città. Ovunque siamo ormai entrati in pieno spirito natalizio, mai come quest’anno si è voluto giocare d’anticipo.  

E ogni anno si parte sempre prima.

Sono convinto che arriveranno a lanciare il Natale già dal ritorno dalle vacanze. Una corsa senza freni che ha un unico obiettivo. Incrementare il consumismo, peraltro sempre più sfrenato. Anche il Black Friday e la stagione degli sconti sono finalizzati ad anticipare gli acquisti per i regali.

Tutto questo ci rende più felici? Personalmente dico di no.

L’anticipo dei tanti richiami al Natale mi dà amarezza e mi rende quasi insofferente ad una festa che – da bambino, invece – mi regalava gioie immense. L’attesa è semplicemente la gioia dell’aspettare qualcosa. Come recita Leopardi nel “Sabato del villaggio”, la vigilia regala maggiori emozioni rispetto al dì di festa. Ma se queste attese, queste vigilie, le prolunghiamo a dismisura, diventeranno sempre più snervanti e ci recheranno solo tanta insofferenza.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore