/ Attualità

Attualità | 06 dicembre 2022, 09:40

Aperte le iscrizioni alla terza edizione del corso “Il trattamento delle patologie aortiche di interesse chirurgico”

Aperte le iscrizioni alla terza edizione del corso “Il trattamento delle patologie aortiche di interesse chirurgico”

Inizierà il prossimo 15 dicembre la terza edizione del corso “Il trattamento delle patologie aortiche di interesse chirurgico” che ha come docenti i medici e gli infermieri della Chirurgia vascolare dell’Azienda ospedaliero-universitaria Maggiore della carità di Novara.

L’evento formativo è organizzato con l’intento di aggiornare il personale infermieristico sulle caratteristiche fisiopatologiche, cliniche e, soprattutto, sui protocolli assistenziali della patologia aneurismatica addominale e toracica di interesse chirurgico vascolare.

Nel corso vengono esaminate le possibili complicanze, la loro prevenzione e gestione e, in particolare, le tecniche e le valutazioni relative all’assistenza infermieristica, assistenza che, in questo ambito,  deve essere particolarmente sofisticata, poiché si basa essenzialmente su pochi parametri strumentali e su una oculata valutazione clinica del paziente.

In particolare gli obiettivi del corso sono:

  • acquisizione di conoscenza teorica di anatomia e patologia aortica con risvolti pratici
  • acquisizione di conoscenza teorica delle procedure chirurgiche ed endovascolari di interesse aortico e

conoscenza delle possibili complicanze post-operatorie

  • comprensione dei protocolli di cura e sorveglianza del paziente  nel decorso post-operatorio

La patologia oggetto dell’evento formativo è l’aneurisma dell’aorta.

I fattori di rischio di patologia aneurismatica sono: familiarità, sesso maschile, tabagismo, ipertensione.

L’aorta è il vaso che nasce dal ventricolo sinistro e porta il sangue a tutto l’organismo.

Se dal punto di vista anatomico si distingue in aorta toracica ascendente, arco aortico, aorta toracica discendente, aorta addominale, dal punto di vista chirurgico la distinzione è più complessa ed è soprattutto in rapporto alle possibilità tecniche di trattamento.

L’aneurisma arterioso viene definito come una dilatazione localizzata, permanente, degenerativa, ad andamento progressivo, della parete arteriosa, che produce un aumento del diametro del vaso pari a oltre il 50% rispetto al diametro normale o al segmento prossimale alla dilatazione.

Si parla di aneurisma dell’aorta addominale con diametro > o uguale ai 3 cm.

Il rischio di rottura è così quantizzato in letteratura:

40-49 mm           > 1 %

50-59 mm           > 1 -11%

60-69 mm          > 10-22 %

> 70 mm              > 30%

Le indicazioni al trattamento sono: diametro > 5.5 cm, aneurisma sintomatico, rapida crescita ( 1 cm in 1 anno o 5 mm in 6 mesi), morfologia sacciforme.

Il trattamento degli aneurismi aortici può essere chirurgico o endovascolare.

In entrambi i casi è necessaria una pianificazione rigorosa ed una altrettanto rigorosa valutazione dei rischi per il paziente.

In tutti i casi viene infatti eseguita una valutazione cardiologica con ecocardiogramma, una  valutazione anestesiologica ed eventuali altre indagini specialistiche su indicazione di cardiologo ed anestesista.

Oltre all’edizione del prossimo 15 dicembre è prevista una quarta ed ultima edizione il 22 dicembre.

In allegato il programma del corso gratuito al quale è possibile iscriversi fino a 10 giorni prima dell’inizio di ogni edizione.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore