/ Provincia

Provincia | 18 luglio 2022, 14:40

Prosegue la traversata solidale dei Pirenei di Laura Trentani

La dottoressa, atleta delle traversate estreme, ha dovuto interrompere la sfida per il record a Fois per un problema logistico. Continua la corsa per sostenere un progetto sanitario in un villaggio del Kenya

Prosegue la traversata solidale dei Pirenei di Laura Trentani

«Le soluzioni vanno cercate sempre dentro di te» questa la considerazione di Laura Trentani a conclusione della 6° tappa della sua avventura sui Pirenei. La dottoressa di Brovello Carpugnino, atleta delle sfide estreme, prosegue la sua sfida all'insegna della solidarietà sui Pirenei francesi.

La Trentani è partita sabato 9 luglio dalla spiaggia di Hendaye per percorrere tutti i Pirenei francesi sino all’arrivo fissato Banyuls sur mer, 850 km in 12 giorni. La sfida “Io corro per una scatola di fagioli” vuole richiamare l’attenzione su un progetto legato a Misheni na Ukarimu, l’associazione Onlus che da diversi anni realizza numerosi progetti a Mida in Kenya.

All’1.45 di sabato 16 luglio è giunta a Fos, porta dell’alta Garonna, dopo 454 Km e 33.000 metri di dislivello totali dalla partenza, una settimana fa, da Hendaye. «Purtroppo quando mi trovavo sull'ultimo colle, mi è stato comunicato che il pacco che avevo spedito con i miei rifornimenti non era presente dove mi sarei fermata a dormire. In quel pacco c'erano anche le mie scarpe di ricambio - spiega Trentani - Sul colle ho potuto sfogare tutta la mia rabbia, ma poi ho dovuto cercare delle soluzioni. Ovviamente con le scarpe che indossavo e che già dal giorno prima gridavano vendetta, era impossibile pensare di proseguire senza sostituirle. La soluzione, ancora una volta, è scaturita dalla solidarietà: sulla strada ho incontrato due donne cui ho chiesto indicazioni su dove poter mangiare qualcosa. Vedendo il mio volto stanco e provato mi hanno preso con loro, mi hanno aperto le porte della loro casa per darmi da bere e mi hanno accompagnato in auto nel paese vicino per acquistare delle nuove scarpe. Dopo avermi preparato anche il pranzo, ci siamo messe in auto e hanno guidato per 2 ore e mezzo su e giù per i colli e le montagne per accompagnarmi ad Aunac, destinazione finale della mia giornata. La mia transpyrenea da record quindi s’interrompe a Fos, ma il viaggio continua, perchè voglio portare a termine il progetto #iocorroperunascatoladifagioli. La strada è ancora lunga, ho solo oltrepassato da poco la metà dei chilometri da percorrere, e le difficoltà che incontrerò sono ancora molte ma voglio continuare a provarci e crederci. E speriamo che i miei piedi accettino un nuovo modello di scarpe completamente diverso da quello abituale».

Senza perdersi d’animo, nonostante la stanchezza e la fatica, Trentani esempio di determinazione e spirito d'abnegazione, ha acquistato un nuovo paio di scarpe e deciso di ripartire. La attendono ancora quasi 350 Km e 25.000 metri di dislivello in giornate segnate anche da un'allerta canicola diramata dalla protezione civile francese; ma con esemplare resilienza Trentani cercherà di raggiungere Banyuls sur mer entro venerdì, per continuare a sostenere il progetto #iocorroperunascatoladifagioli legato a Misheni na Ukarimu, l’associazione Onlus che da diversi anni, porta avanti numerosi progetti a Mida in Kenya. Questa volta i fondi raccolti andranno a sostenere il nuovo progetto sanitario avviato nel villaggio africano. La vera vittoria come sempre sarà nell'impegno che ci metterà fino alla fine.

Per donare è sufficiente collegarsi al sito www.missionecarita.it e accedere alla pagina “Sostieni l’associazione”. Il viaggio di Trentani può essere seguito live collegandosi a https://share.garmin.com/3VUYH.






C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore