/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 04 ottobre
martedì 27 settembre
martedì 20 settembre
martedì 13 settembre
Ora legale, sempre!
(h. 08:20)
martedì 06 settembre
martedì 30 agosto
martedì 23 agosto
mercoledì 17 agosto
martedì 09 agosto
martedì 26 luglio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 07 giugno 2022, 08:45

Perchè mancano camerieri

"La gente preferisce stare a casa e percepire il reddito di cittadinanza senza far niente, piuttosto che lavorare sabato e domenica”. Il refrain è scontato, a cantilena. Ma, forse, non è proprio così

Perchè mancano camerieri

Per lavoro nelle ultime settimane mi è capitato di visitare parecchi ristoranti, bar ed esercizi commerciali. Mi sono imbattuto, sovente, nella scritta “cercasi personale”. E non è un caso perché il fenomeno è assai diffuso in tutta Italia, nelle città turistiche e nelle campagne, nei luoghi di villeggiatura e nelle zone industriali.

“Colpa del reddito di cittadinanza” ripetono tutti, a gran voce. “La gente preferisce stare a casa e percepire 700-800 euro senza far niente, piuttosto che andare a lavorare, quasi sempre di sera e soprattutto al sabato e alla domenica”. Il refrain è scontato, a cantilena.

Ma, forse, non è proprio così. Forse la ragione non è soltanto quella.

Basta cercare qualche informazione e si scopre che quasi nessun locale propone un contratto vero e proprio, che non ci sono orari precisi e che le mansioni variano da esercente a esercente. In media la paga si aggira fra gli  800 e i 1000 euro, più le mance. Si lavora 8-10 ore per sei giorni alla settimana. La chiusura è attorno alla mezzanotte ma se ci sono dei tiratardi si va ben oltre e lo straordinario non viene pagato. Cameriere spesso vuol dire anche fare le pulizie del locale, non soltanto servire ai tavoli. In Italia, quella della mancia, è un’usanza poco praticata, al contrario di altri paesi dove spesso è obbligatoria. Raramente il cameriere è trattato dal cliente con rispetto e stima, molto sovente ci si approccia con superiorità, come se non fosse un professionista, ma una persona al nostro servizio.

Non è così ovunque, sarebbe sbagliato generalizzare, certo. Ma è sbagliato pure liquidare questo fenomeno con la frase “non hanno voglia di lavorare”. Proviamo a pagare il giusto, a offrire contratti dignitosi con orari precisi, introduciamo una mancia garantita sotto la voce “coperto e servizio”, costruiamo rapporti di stima e collaborazione fra cliente e cameriere e poi vediamo se davvero “non si trova personale”.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore