/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 28 giugno
martedì 14 giugno
martedì 07 giugno
martedì 31 maggio
martedì 24 maggio
martedì 17 maggio
martedì 03 maggio
martedì 19 aprile
martedì 05 aprile
martedì 29 marzo

Il Punto di Beppe Gandolfo | 17 maggio 2022, 08:40

100 per 100 italiano? Che non sia una balla

A riguardo della pasta, dei biscotti, della carne, di tanti altri generi alimentari… era tutto un proliferare di annunci relativi a prodotti interamente realizzati con materie prime nostrane

100 per 100 italiano? Che non sia una balla

Nel 2021 alla Borsa merci di Bologna il grano tenero importato costava circa 19 euro al quintale e una grande percentuale di questo frumento arrivava dall’Ucraina, dalla Russia e dall’Ungheria. Quest’anno il prezzo si aggira sui 44 euro, cioè un incremento del 131 per cento.

Rincari eccezionali conseguenza della guerra in Ucraina, certamente. Ma anche di qualche speculazione.

C’è un altro aspetto della vicenda, che però, ha destato la mia attenzione. Mi riferisco all’imperversare, fino allo scorso anno, degli slogan pubblicitari “100 PER CENTO ITALIANO”.

A riguardo della pasta, dei biscotti, della carne, di tanti altri generi alimentari… era tutto un proliferare di annunci relativi a prodotti interamente realizzati con materie prime nostrane.

Cosa non torna? Che, a rigor di logica per quel che concerne la pasta, i rincari del grano avrebbero dovuto incidere in minima parte. Se infatti sono state usate uova, acqua, lieviti e farine italiane, fatto salvo per i costi dell’energia, l’aumento dei prezzi avrebbe dovuto essere quasi impercettibile.

O forse quegli slogan sulla “italianità” di alcuni cibi erano bugiardi? Eppure, anche una grande catena di hamburger continua a ripetere che la sua carne arriva solo da allevamenti nostrani. E poi si scopre che in Ucraina e in Russia sono bloccati enormi cargo e container di materia prima pronti a partire per il nostro Paese.

Per carità, le farine che arrivano dall’est dell’Europa sono sicuramente buonissime e sane, così come le carni straniere. L’ aspetto che dà maggiormente fastidio è l’essere presi in giro.

Perché scrivere sull’etichetta o sparare spot pubblicitari che declamano il “100 per cento ITALIANO” quando tutti sappiamo che è una balla? Sono bastati i tragici fatti per far cadere la maschera.


Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore