/ Attualità

Attualità | 09 maggio 2022, 19:20

Doppia mobilitazione a Novara e Torino per tentare di salvare ancora una volta la vita di Ahmadreza Djalali

Alle 17.30 a Novara è in programma un sit-in di solidarietà davanti al municipio, promosso da Amnesty International, Comune di Novara, Università del Piemonte orientale e Provincia di Novara

Doppia mobilitazione a Novara e Torino per tentare di salvare ancora una volta la vita di Ahmadreza Djalali

Giornata di mobilitazione a Novara e a Torino, domani per tentare di salvare ancora una volta la vita di Ahmadreza Djalali,  cittadino onorario novarese, studioso e ricercatore iraniano-svedese in medicina di emergenza e assistenza umanitaria, già operatore presso il centro Crimedim dell’Università  del Piemonte Orientale  Ahmad, come a Novara ancora tutti lo chiamano, é da tempo detenuto in Iran e sul suo capo pende una condanna a morte per spionaggio. Una condanna che, secondo le notizie diffuse nei giorni scorsi dall’agenzia iraniana Isna dovrebbe essere eseguita il prossimo 21 maggio.

Per dire no all’esecuzione di Ahmad, è in programma domani una doppia mobilitazione: a Torino alle 13, nella pausa dei lavori del consiglio regionale a Palazzo Lascaris (via Alfieri 15, Torino), i consiglieri regionali e tutti i componenti del Comitato Diritti Umani sono stati invitati dal presidente del Consiglio a riunirsi nel cortile di Palazzo Lascaris esponendo silenziosamente dei cartelli con la scritta #SAVEAHMAD.

Alle 17.30, invece, a  Novara è in programma un sit-in di solidarietà davanti al municipio, promosso da Amnesty International, Comune di Novara, Università del Piemonte orientale e Provincia di Novara.   "La nostra comunità - ha commentato il sindaco di Novara Alessandro Canelli -  si trova di nuovo di fronte alla necessità di mobilitazione nella speranza di poter riportare Ahmad a casa dalla sua famiglia. Sono passati tanti, troppi anni e ancora oggi stiamo lottando contro l’annullamento di diritti imprescindibili che sono stati completamente negati al nostro concittadino. Con l'auspicio che l'eco della solidarietà possa arrivare quanto più lontano possibile."  

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore