/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 04 ottobre
martedì 27 settembre
martedì 20 settembre
martedì 13 settembre
Ora legale, sempre!
(h. 08:20)
martedì 06 settembre
martedì 30 agosto
martedì 23 agosto
mercoledì 17 agosto
martedì 09 agosto
martedì 26 luglio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 01 febbraio 2022, 08:20

No ai genitori “spazzaneve”

"Sostituendoci ai nostri figli, anche nelle piccole incombenze, non insegniamo loro che la vita è fatta di responsabilità, di conseguenze, di paure e di coraggio"

No ai genitori “spazzaneve”

Avete presente cosa fa lo spazzaneve? Intendo quel veicolo dotato di lame frontali atto a togliere la neve dalla strada e consentire a qualsiasi vettura che segue, di viaggiare in assoluta sicurezza e tranquillità. 

Esattamente il comportamento portato avanti da tanti genitori della mia generazione.

Abbiamo cresciuto i nostri figli (che oggi hanno tra i 20 e i 30 anni) comportandoci come lo spazzaneve. Prevedendo qualsiasi difficoltà o ostacolo da superare e liberando la strada per la crescita della nostra prole. C’è da affrontare una questione burocratica relativa alla scuola o agli interessi personali del figlio? Ci pensa papà, ci pensa mamma. Il figlio deve organizzare una gita o una vacanza: lo fanno i genitori arrivando anche a preparare l’itinerario, il programma, la valigia o lo zaino. Deve andare ad allenamento? A lezione privata? Ad una festa da amici? Ecco i genitori autisti e taxisti, e pure presenti in piena notte di fronte all’uscita delle discoteche. 

Se ripenso alla mia adolescenza ricordo viaggi pazzeschi con scambi di treni in stazioni abbandonate per arrivare a casa di amici. Conoscevo a memoria i tragitti e gli orari delle linee urbane ed extraurbane di Torino. Mi sono iscritto all’Università da solo, preparando i documenti necessari: i miei genitori lavoravano tutto il giorno, non avevano tempo per occuparsi della mia vita. L’esigenza primaria da soddisfare era darmi da mangiare, vestirmi e garantirmi il denaro per gli studi. “Per tutto il resto, arrangiati…” Era il solito ritornello.

Ripenso a tutto questo ascoltando le tragiche notizie di questi giorni: ragazzi senza patente morti in incidente stradale, adolescente che perde la vita mentre si fa un selfie sul tetto di un hotel…. Di cavolate ne abbiamo sempre fatte tante, tutti, a qualsiasi età.

Quindi nessun giudizio morale o etico.

Quel che è certo è che affrontavamo la vita da soli, senza genitori spazzaneve.

Sostituendoci ai nostri figli, anche nelle piccole incombenze, non insegniamo loro che la vita è fatta di responsabilità, di conseguenze, di paure e di coraggio.

È un ragionamento da matusalemme?



Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore