/ Sport

Sport | 21 gennaio 2022, 09:30

A Crevacol, questo fine settimana, terza tappa dell'Ice Trophy

Grazie all’impegno del Motoclub Ttn Racing Club di Novara e del Motoclub Pollein di Aosta

A Crevacol, questo fine settimana, terza tappa dell'Ice Trophy

L’inverno è il momento in cui, solitamente, i piloti riducono l’attività sportiva e si dedicano alla programmazione della stagione successiva. Da tre anni a questa parte, però, grazie all’impegno del Motoclub Ttn Racing Club di Novara e del Motoclub Pollein di Aosta –supportati dalla Federazione motociclistica italiana– gli atleti possono sfidarsi a suon di traversi sui tracciati dal fondo ghiacciato dell’Ice Trophy 2021-2022. A Crevacol, questo fine settimana, terza tappa dell'Ice Trophy. Sabato 22 le prove libere, il giorno successivo le gare. Così il presidente del Mc Ttn Racing Club Alessandro De Gregori: “Dopo la tappa sofferta, causa Covid, di Pragelato, proseguiamo il compito istituzionale affidatoci mantenendo vive le competizioni, nonostante le molte defezioni legate alla pandemia in corso. Grazie al nostro gruppo e ai volontari, possiamo tenere aperto il gas per guardare oltre la curva dei contagi, per uscirne da motociclisti”. Per partecipare è sufficiente la licenza Fmi 2022, una moto o un quad, gomme chiodate e, soprattutto, tanta voglia di divertirsi. Le regole sono molto semplici. In base alla tipologia di moto utilizzata, i partecipanti saranno divisi in varie categorie per affrontare prima delle prove libere e poi delle qualifiche ufficiali. I tempi fatti registrare da ciascun partecipante serviranno per stabilire i piloti che, due alla volta, si confronteranno sul tracciato nelle diverse sfide. Si potrà partecipare alle gare individualmente o come team formato da due piloti che si alterneranno alla guida. Per info: www.icetrophy.com – info@icetrophy.com, 320.3383708 – 338.6197632

 

Le licenze ammesse sono quelle Agonistiche nazional fuoristrada amatoriale, Fuoristrada, Fuoristrada élite, Miniyoung, Velocità, Fuoristrada one event ed E-Bike (quest’ultima utilizzabile esclusivamente per la partecipazione con bici elettriche).
Sono ammessi tutti i tipi di motocicli, purché dotati di gomme chiodate. 

Le categorie saranno:
– Ciclomotori e scooter (per esempio Ciao, Vespa, Tuboni, Scooter, Enduro, Cross, Motard, trial anche elaborati, da 50 a 100 cc 2T e 4T);
– Pit-bike, Minigp;
– Moto da cross, enduro, motard, trial da 125cc a 2T e 4T dal 1991 a oggi;
– Scrambler (i motocicli devono essere definiti “Scrambler” dalle case costruttrici. In caso di grande partecipazione potrebbero essere suddivise nelle seguenti classi (a) Light – cilindrata fino a 500 – dimensione dei cerchi come da libretto – sospensioni di serie (b) Heavy – cilindrata da oltre 500 – dimensione dei cerchi come da libretto – sospensioni di serie;
– Enduro stradali – tutte le cilindrate – dimensione di cerchi e pneumatici come da libretto escluse specialistiche da Enduro;
– Old style: i motocicli di qualsiasi specialità immatricolati nel 1990 e precedenti doppio ammortizzatore o mono ammortizzatore laterale (per esempio BMW r 80 / 100 gs) con dimensioni di cerchi e pneumatici come da libretto escluse specialistiche da regolarità ed enduro;
– Bici e moto elettriche;
– Quad.
A discrezione dell’organizzatore potranno essere inserite ulteriori sottocategorie ed ammessi anche motocicli di particolare interesse che non siano tra quelli in elenco. Affinché una categoria sia ritenuta valida dovranno essere presenti almeno quattro iscritti. Nel caso non si raggiungesse il numero minimo, i piloti verranno inseriti in un’altra categoria affine (ad esempio la categoria ciclomotori e scooter potrebbe essere accorpata alla categoria pit-bike). Non sono a

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore