/ Politica

Politica | 18 gennaio 2022, 10:20

Ieri la Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali

Cane (Lega): “Il Piemontese non è solo un dialetto, ma è uno scrigno linguistico e culturale cui è doveroso attingere anche per le nuove generazioni”

Ieri la Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali

Come ogni anno si è svolto l’appuntamento con la Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali, istituita per il 17 gennaio dall'Unione nazionale delle Pro Loco per sensibilizzare istituzioni e comunità locali sull'importanza di tutelare questi patrimoni culturali.

“Il Piemontese - commenta il responsabile degli Enti locali della Lega Salvini Piemonte Andrea Cane - non è solo un dialetto, ma è uno scrigno linguistico e culturale cui è doveroso attingere anche per le nuove generazioni. Il Consiglio regionale del Piemonte in cui siedo anni fa aveva valorizzato e promosso la tutela delle minoranze linguistiche storiche tanto da promuovere una Consulta per la valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale piemontese e delle minoranze occitana, francese, francoprovenzale e walser, che io intendo fortemente ripristinare”.

“Il dialetto della nostra Regione - ha concluso il Consigliere regionale Andrea Cane - è la storia del nostro territorio, ne racchiude i valori di cultura, costume e civismo. Lo fa con le sfaccettare di una koinè talmente articolata da riconoscere diversi grandi gruppi tra cui il piemontese occidentale che comprende torinese, lanzese, susino, cuneese, pinerolese, saluzzese spaziando per il piemontese orientale con l’astigiano, alto langarolo, basso monferrino, roerino, monregalese, alto monferrino, basso monferrino, alessandrino, vercellese, biellese e valsesiano e finendo con il mio dialetto, quello canavesano, che io amo però definire una vera e propria lingua insieme al francoprovenzale che è parlata anche nella mia Val Soana. Sarebbe una sciocchezza perdere un valore pulsante come quello che il nostro piemontese porta con sé. Non facciamo i "badòla": questa lingua parla di noi! Conoscerla ci arricchisce, diffonderla e tutelarla è nel mandato di noi amministratori e personalmente me ne sto occupando proprio in questi giorni e in occasione della Giornata nazionale del dialetto ho presentato una Proposta di legge in Consiglio regionale per la valorizzazione della lingua e della cultura piemontese, che oltre ad essere incardinata e discussa al più presto nella Commissione regionale competente, sarà presentata entro fine febbraio proprio nel Comune dove risiedo, a Ingria”.



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore