/ Sanità

Sanità | 23 novembre 2021, 18:02

Al Maggiore una stampante 3D dedicata alle persone con lesioni del midollo spinale

I fisioterapisti potranno creare tutori e ausili personalizzati per ogni singolo utente migliorandone l’autonomia e la qualità della vita

Al Maggiore una stampante 3D dedicata alle persone con lesioni del midollo spinale

Grazie al progetto Tech4Inclusion di Hackability, Novara avrà la sua prima stampante 3D, realizzata con Deltacom. È stata consegnata questo pomeriggio all’Unità spinale guidata dal direttore Maurilio Massara.

Per spiegarne l’utilità bisogna fare una premessa: dopo una lesione al midollo spinale, la riabilitazione permette di acquisire nuove abilità motorie per eseguire gesti anche semplici come mangiare, pettinarsi.

Così i fisioterapisti fanno spesso ricorso a ortesi, tutori adattati alla singola persona.

Per realizzarli devono passare giorni a modellare a mano le termoplastiche.

Tutto ciò con evidenti limiti: un grande impiego di tempo e di energia, e poi l’impossibilità di avere un archivio, di ricostruire una seconda ortesi identica alla prima, di poterla condividere con fisioterapisti di altre Unità spinali. Tutto ciò sarà risolto grazie al cloud e alle stampanti 3D.

Il personale sanitario di Novara è già stato messo in condizione di realizzare oggetti come forchette, spazzole, pomelli o contenitori, studiati, apposta, per le esigenze delle persone con disabilità, partendo da un disegno digitale facilmente modificabile.

Tutto ciò è avvenuto grazie a dei corsi tenuti da Hackability, la non profit nata a Torino nel 2016 con l’obiettivo di mettere tecnologia e creatività al servizio della disabilità.

Grazie al lungo workshop con esercitazioni pratiche, i terapisti hanno imparato a progettare nuovi oggetti, mentre quelli già in uso sono stati trasformati dai tutor della non profit, quasi tutti maker, designer, studenti e studentesse del Politecnico di Torino, in file digitali, condivisi tra le tre Unità Spinali, facilmente personalizzabili e stampabili in 3 D dai terapisti stessi.

L’idea di Tech4inclusion è nata, come sempre, dal basso parlando con le persone con disabilità, con i caregiver, con il personale medico – racconta Carlo Boccazzi Varotto, coordinatore di Hackability – Ci hanno raccontato, loro, come gran parte dei terapisti italiani, per realizzare piccoli presidi personalizzati utilizzi, ancora, la termoplastica, una plastica modellabile molto costosa, con loro abbiamo progettato questo lungo workshop che ha visto impegnati maker e designer di tutta Italia e sta suscitando interesse da parte di molti ospedali del Paese”.

Dopo una lesione al midollo spinale, la riabilitazione permette di acquisire nuove abilità motorie per eseguire quei gesti anche semplici. – spiega il direttore della Unità spinale di Novara, Maurilio Massara – Con i nuovi macchinari forniti da Hackability il lavoro delle Unità spinali, luogo da cui si avviano i collegamenti per facilitare l’inclusione della persona con lesione midollare e favorirne il reinserimento nella società, sarà facilitato”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore