/ Cronaca

Cronaca | 13 ottobre 2020, 18:00

Terdoppio: Sport Management risponde alla questione del Concordato Preventivo

La società: “crisi dovuta alla chiusura forzata degli impianti a causa del Covid”

Terdoppio: Sport Management risponde alla questione del Concordato Preventivo

In riferimento a quanto comunicato - da alcuni con notizie false e volutamente fuorvianti - dagli organi di stampa relativamente alla situazione di difficoltà finanziaria attraversata da Sport Management l'azienda ci tiene a precisare che:

Sport Management S.p.a. s.s.d. si è purtroppo trovata ad affrontare una situazione di difficoltà finanziaria dovuta al periodo di forzata chiusura degli impianti imposta dal Governo per fronteggiare la grave emergenza sanitaria in corso da COVID–19, con una perdita importantissima di fatturato e con una conseguente mancanza di liquidità. Per tale ragione, la società ha depositato in data 02.10.2020 ricorso per ammissione alla procedura di concordato preventivo con riserva (ex art. 161, comma 6) al competente Tribunale di Verona. La soluzione ipotizzata per superare la crisi prevede che la società prosegua la propria gestione ordinaria, perseguendo il rilevante obiettivo della salvaguardia dei valori aziendali e dei livelli occupazionali, patrimonio indispensabile per una società di servizi come la nostra.

Sport Management vuole quindi sottolineare che tutti gli impianti continueranno ad essere regolarmente aperti e pronti ad accogliere il pubblico, senza nessun tipo di contraccolpo gestionale onorando gli impegni assunti e con un servizio accurato e in linea con le esigenze igienico sanitarie adeguate a questo periodo di emergenza sanitaria.

In questo contesto confidiamo nella collaborazione sia degli enti proprietari degli impianti che dei fornitori strategici per consentirci di garantire alla collettività di poter usufruire degli importanti servizi sportivi che la nostra società presta da anni con la massima professionalità.

Confidiamo altresì che gli organi di stampa non diffondano notizie che possano comportare un danno alla società, ai suoi dipendenti e collaboratori ed a tutti i fornitori, certi che attraverso la regolare prosecuzione dell'attività potremo superare la situazione di crisi.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore