/ Cronaca

Cronaca | 16 settembre 2020, 16:00

Carabinieri di Arona arrestano una famiglia di criminali

Padre e due figli accusati di aver spinto al suicidio una delle loro vittime di usura

Carabinieri di Arona arrestano una famiglia di criminali

Lunedì 14 settembre sono stati prelevati dai Carabinieri di Arona per dare esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e due ordinanze di obbligo di dimora tre persone: un sessantaduenne di Oleggio e i suoi figli trentaduenni di Castelletto Ticino.

I capi di imputazione dei tre sono numerosi e gravi : tentata rapina, estorsione, furto, usura, spaccio di sostanze stupefacenti, porto di armi od oggetti atti ad offendere e morte come conseguenza di altro delitto.

Le indagini che vedono coinvolte il padre e i due figli sono partiti dal suicidio di una loro vittima: i tre irruppero armi in pugno nell’abitazione di un uomo costringendolo a fuggire da una finestra, a questo punto i tre arraffarono tutto ciò di valore potettero trovare nella casa. Per la vittima però fu solo l’inizio di un calvario, la banda incominciò a opprimere il malcapitato con minacce e vessazioni per estorcere denaro, l’uomo, dopo aver inutilmente tentato di sottrarsi alle angherie, decise di togliersi la via.

Proprio la morte di questa persona ha portato il P.M. Giovanni Castellani a indagare sui tre scoprendo così un attività criminale molto più ampia con diverse altre vittime.

Durante l’esecuzione dei mandati i militari della Benemerita sono riusciti a raccogliere ulteriori prove a carico degli indagati.

Fabio Nedrotti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore