/ Economia

Economia | 14 luglio 2020, 11:00

Coldiretti Piemonte – DL Rilancio: bonus baby sitter spendibile anche nelle fattorie didattiche

On line il primo portale delle fattorie didattiche Coldiretti

Coldiretti Piemonte – DL Rilancio: bonus baby sitter spendibile anche nelle fattorie didattiche

Bonus baby sitter spendibile anche nelle fattorie didattiche. E’ quanto rende noto Coldiretti Piemonte nel commentare positivamente l’aiuto alle famiglie che possono trovare nelle aziende agricole piemontesi, che hanno attivato i centri estivi,  il luogo ideale  per i propri figli, in completo rispetto delle norme anti contagio.

“Previsto dal decreto Rilancio, il bonus di 1.200 euro sostiene le famiglie che vogliono far vivere ai loro figli una esperienza estiva davvero speciale presso le nostre fattorie didattiche – spiega Silvia Beccaria responsabile Donne Impresa Coldiretti Piemonte –. Queste ultime, infatti, rappresentano lo spazio ideale per i più piccoli, ma non solo, proprio in questo particolare momento di ripresa dopo il lockdown. Attraverso il progetto Educazione alla Campagna Amica di Donne Impresa Coldiretti, è stato possibile coinvolgere negli ultimi venti anni, a livello nazionale, circa 10 milioni di bambini di cui il 70% nella fascia d’età compresa fra i 4 e gli 11 anni, dalla scuola materna alla primaria e il 30% studenti più grandi medie e superiori. Oltretutto, per agevolare le famiglie nella ricerca e nella scelta, è nato il primo portale nazionale delle fattorie didattiche di Coldiretti consultabile al link https://donneimpresa.coldiretti.it/fattorie-didattiche/”.

“Si è dato avvio ad una fase di ripartenza anche sul fronte dell’educazione grazie al lavoro incessante delle nostre imprese agricole – affermano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale-. Si tratta di imprese autorizzate a fare formazione sul campo per le nuove generazioni puntando sull’educazione ambientale attraverso la conoscenza della campagna con i suoi ritmi, l’alternanza delle stagioni e la possibilità di produrre in modo sostenibile. Sono, quindi, luoghi ideali in cui accogliere piccoli gruppi tenendo conto delle norme di sicurezza, distanza e igiene previste dalle normative del Governo.  L’obiettivo è sia aiutare i genitori in questo momento particolare, sia continuare a formare futuri consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti, per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce l’agricoltura con il cibo che raggiunge ogni giorno la nostra tavola”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore