/ Eventi

Eventi | 18 giugno 2020, 13:00

Musica, presentati i finalisti del rinato premio “Guido Cantellli”

L’8 di settembre inizieranno le prove al Regio di Torino e la finale il 13 al Coccia

Musica, presentati i finalisti del rinato premio “Guido Cantellli”

Provengono da Italia, Spagna, Svizzera, Germania, Olanda, Gran Bretagna, Singapore, Taiwan, Bielorussia e Stati Uniti i diciotto giovani under 35 selezionati come finalisti all’XI Edizione del Premio internazionale di direzione d’orchestra “Guido Cantelli”, che torna a vivere grazie all’iniziativa congiunta del Teatro Coccia di Novara e del Teatro Regio di Torino dopo una lunga interruzione di 40 anni, nell’anno centenario della nascita del grande maestro originario di Novara scomparso prematuramente in un incidente aereo.

I finalisti, presentati questa mattina in una conferenza stampa on line, sono stati selezionati tra 206 candidati originari di 38 paesi di 4 continenti. I partecipanti affronteranno le varie prove del concorso tra l’8 e l’11 settembre al Teatro Regio di Torino, sul podio dell’Orchestra del Teatro, mentre il 12 settembre - sempre a Torino - avrà luogo il primo turno della finale. Il 13 settembre sarà la volta del secondo e ultimo turno della finale al Teatro Coccia, durante la quale i concorrenti affronteranno lo stesso programma dell'ultimo concerto di Guido Cantelli. Pochi giorni prima di morire, il 17 novembre 1956, al Coccia, Cantelli diresse la Sinfonia n. 1 di Johannes Brahms, La Valse di Maurice Ravel e il Don Juan (Don Giovanni) di Richard Strauss con l’Orchestra del Teatro alla Scala.

Nella conferenza stampa è stato annunciato ufficialmente anche il Comitato d’Onore del Premio formato dal Ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini, dal Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, dal Sindaco del Comune di Novara Alessandro Canelli, dal Rettore dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale Gian Carlo Avanzi, dal Presidente della Fondazione “Gioachino Rossini” Gianni Letta e da Leonardo Cantelli, figlio del Maestro.

Un segnale di speranza per tutta l’Italia” così Gianni Letta ha definito la rinascita del premio Cantelli, mentre il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha sottolineato l’importanza della cultura come motore della ripresa post Covid.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore