/ Eventi

Eventi | 12 gennaio 2020, 14:50

Le nanoscienze come strada “Per un nuovo umanesimo scientifico”

Le nanoscienze come strada “Per un nuovo umanesimo scientifico”

<<Un’iniziativa che rappresenta un’opportunità e un’occasione di riflessione su quello che la Scienza dovrebbe rappresentare nella crescita culturale e umana di ogni singola persona>>.

Con queste parole il consigliere delegato all’Istruzione della Provincia di Novara Andrea Crivelli presenta l’incontro “Per un nuovo Umanesimo scientifico” patrocinato dall’Ente e organizzato dall’Iti “Omar” per il prossimo 17 gennaio, alle 10, nel salone dell’Arengo del Broletto di Novara.

<<Ancora una volta – sottolinea il consigliere – ringraziamo l’Iti “Omar” per averci coinvolti in un evento che, sicuramente, arricchirà i giovani che vi parteciperanno: la reazione del ricercatore del Cnr e dell’Università di Genova Davide Peddis guiderà gli studenti in un viaggio nelle modernissime nanoscienze, dallo sviluppo della metodologia scientifica a quello della tecnologia che supporta lo stesso progresso, conquiste alla base delle quali esiste sempre la struttura mentale e divulgativa che caratterizza il mondo della ricerca>>.

Il Dirigente scolastico dell’Iti “Omar” Franco Ticozzi e il docente Celestino Fontaneto ricordano che <<tutte le classi delle Scuole secondarie di secondo grado novaresi sono state invitate a partecipare all’incontro: ci è sembrato molto importante poter approfittare della disponibilità del professor Peddis, che il nostro Istituto ha conosciuto durante l’annuale partecipazione al Festival della Scienza di Iglesias. Averlo come ospite della realtà scolastica del Novarese è, infatti, una grande opportunità per poter conoscere in maniera più approfondita le nanoscienze e le nanotecnologie, che rappresentano l’ultima importante frontiera di quel progresso che ci auguriamo sia sempre più parte della formazione culturale dei giovani>>.



C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore