/ Cronaca

Cronaca | 04 gennaio 2020, 09:30

Un anno con la Polizia Stradale, contestate oltre 143 mila infrazioni nel 2019 appena terminato. In calo le vittime dovute ad incidenti

Il Compartimento Polizia Stradale di Piemonte e Valle d’Aosta ha fatto il bilancio degli ultimi dodici mesi

Un anno con la Polizia Stradale, contestate oltre 143 mila infrazioni nel 2019 appena terminato. In calo le vittime dovute ad incidenti

Anche durante l’anno 2019 la Polizia Stradale ha assicurato alti livelli di sicurezza stradale in Piemonte e Valle d’Aosta.

Nello specifico, gli operatori effettivi alle 9 Sezioni, alle 11 Sottosezioni Autostradali ed ai 13 Distaccamenti, coordinati dal Centro Operativo Polizia Stradale hanno espresso complessivamente sugli itinerari di competenza 45.952 pattuglie, contestando 143.189 infrazioni. Il totale dei punti patente decurtati è stato di 205.831, a cui si deve aggiungere il ritiro di 4.153 patenti di guida e 5.150 carte di circolazione.

Significativa è stata, altresì, l’attività di soccorso agli utenti della strada in difficoltà che ha portato al compimento di 19.521 interventi. In calo le vittime dovute ad incidenti stradali.

L’andamento del fenomeno infortunistico, rilevato nel 2019, ha fatto registrare, rispetto al 2019, una diminuzione del numero degli incidenti stradali rilevati 4.446, a cui si accompagna una contestuale diminuzione del numero degli incidenti con lesioni, 1.510, a fronte dei 1.716 dell’anno precedente, nonché di quelli con esito mortale (59 a fronte dei 60 dell’anno precedente)

Contrasto della guida sotto l’effetto di alcol e di sostanze stupefacenti

Nel 2019 è proseguita la campagna straordinaria di controllo sulle condizioni psicofisiche dei conducenti di veicoli con l’impiego congiunto della Polizia Stradale e dei medici e personale della Polizia di Stato, anche mediante la predisposizione di appositi servizi mirati contro le c.d. “stragi del Sabato sera”,

Nello specifico, nel corso di dette attività sono stati controllati con etilometro o precursore 126.579 conducenti di cui 1.917 sono stati sanzionati per guida sotto l’influenza di alcol mentre 142 sono risultati positivi ad una o più sostanze stupefacenti.

Gite scolastiche in sicurezza

Nel corso del 2019, d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sono stati attivati controlli d’iniziativa o su segnalazione dell’istituto scolastico mirati al controllo degli autobus destinati al trasporto di scolaresche per gite o viaggi d’istruzione.

Operazioni ad Alto Impatto

Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019 sono stati predisposti dispositivi specifici pianificati a livello nazionale, secondo il modello delle “Operazioni Alto Impatto”, nella misura di circa 4 al mese, per sottoporre a controllo massivo particolari settori del trasporto e verificare il rispetto di specificare norme poste a salvaguardia della sicurezza stradale. I dispositivi sono stati programmati e realizzati da personale particolarmente preparato in settori della circolazione in cui le violazioni costituiscono generale pericolo per la sicurezza dei cittadini.

Attività di polizia giudiziaria

Nell’ambito della specifica attività di contrasto al traffico illecito dei veicoli, prioritaria competenza delle Squadre di Polizia Giudiziaria della Specialità, nell’anno di riferimento sono state arrestate 82 persone e denunciate all’A.G. 832 mente i veicoli sequestrati sono stati 134.

Significativi sono stati, infine, i risultati conseguiti nel settore dei controlli agli esercizi commerciali connessi alla circolazione dei veicoli. In particolare, sono stati sottoposti a controllo 562 esercizi (carrozzerie, autofficine, autoscuole, autodemolitori, autosaloni) ove sono state accertate 337 state le violazioni; tra queste, per 16 casi si è proceduto al sequestro amministrativo mentre per 12 è stato effettuato un sequestro penale.

Campagne di informazione ed educazione stradale

Nel corso dell’anno sono state numerose le campagne di informazione ed educazione stradale cui ha partecipato questo Compartimento Polizia Stradale sia nelle scuole sia in occasione di convegni o incontri, nella consapevolezza che il rispetto delle norme sulla circolazione stradale, e la connessa diminuzione del fenomeno infortunistico, passa anche, se non soprattutto, attraverso un’opera di sensibilizzazione e formazione sulla corretta comprensione ratio dei precetti imposti ai cittadini.

Dal corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore