/ Eventi

Eventi | 19 novembre 2023, 08:40

Simonetta Agnello Hornby apre il festival Scrittori&Giovani

La famosa scrittrice incontra il pubblico e gli studenti delle scuole novaresi, con il suo nuovo libro "Era una bravo ragazzo"

Simonetta Agnello Hornby apre il festival Scrittori&Giovani

Lunedì 20 novembre il festival Scrittori&Giovani si apre con la voce di Simonetta Agnello Hornby, che incontrerà il pubblico dialogando con la giornalista Alessandra Tedesco, a partire dal suo ultimo libro “Era un bravo ragazzo”, edito da Mondadori.

La scrittrice incontrerà anche gli studenti del Liceo delle scienze umane Bellini di Novara, sempre lunedì, alle ore 10.00; martedì 21 novembre sarà invece ospite al ITT Giacomo Fauser di Novara, alle ore 9.00.

“Era un bravo ragazzo” è la storia di due amici, di due madri, di due mogli. Fra Sciacca e Pertuso Piccione, nella Sicilia occidentale, Giovanni e Santino sognano entrambi un dolce riscatto. Giovanni deve soddisfare le ambizioni sociali della madre, Santino vuole salvare la sua dal destino equivoco al quale si è esposta per mantenere la famiglia. Cosa ci succederà da grandi? E cosa vuol dire diventare grandi? Che masculi saremo? Non hanno tempo di darsi delle risposte: sono assorbiti progressivamente da accordi chiusi sopra le loro teste. “Santino si iscrisse al liceo scientifico di Sciacca con la piena consapevolezza di dover studiare molto e di non avere tempo da perdere”.

Simonetta Agnello Hornby, nata a Palermo nel 1945, è avvocato e scrittrice italiana naturalizzata britannica. Vive infatti dal 1972 a Londra, dove ha svolto la professione di avvocato dei minori ed è stata presidente dello Special Educational Needs and Disability Tribunal. Ha esordito con “La Mennulara” (Feltrinelli, 2002, nuova edizione arricchita e graphic novel a cura di Massimo Fenati, 2019). Fra i suoi titoli più celebri, “La zia marchesa”, “Boccamurata”, “Vento scomposto”, “La monaca”, “Il veleno dell’oleandro”, “Caffè amaro”, “Nessuno può volare”, “Piano nobile”, “Punto pieno” (tutti Feltrinelli), “Un filo d’olio” (Sellerio) e “La mia Londra” (Giunti). Ha scritto con il figlio George il racconto per ragazzi “Rosie e gli scoiattoli di St. James” (Giunti). Con Mimmo Cuticchio ha scritto “Siamo Palermo” (Mondadori, 2019) e, con Costanza Gravina, “La cuntintizza. Piccole ragioni della bellezza del vivere” (Mondadori, 2022). Nel 2018 il presidente della Repubblica le ha conferito l’onorificenza dell’Ordine della Stella d’Italia nel grado di Grande Ufficiale.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore