/ Cultura

Cultura | 26 settembre 2023, 14:44

Le Notti di Cabiria portano il teatro in carcere con lo spettacolo “Io ero il milanese”

Venerdì 29 settembre ore 18.00 e ore 20.00 – Carcere di Novara

Le Notti di Cabiria portano il teatro in carcere con lo spettacolo “Io ero il milanese”

Le Notti di Cabiria portano il teatro in carcere. Nell’ambito della collaborazione ormai consolidata con numerose realtà territoriali, quest’anno Cabiria Teatro rafforza la partnership con la casa circondariale di Novara dopo l’esperienza positiva della scorsa stagione con l’incontro pre spettacolo al quale avevano hanno partecipato, in qualità di relatori, la direttrice dell’istituto penitenziario, Rosalia Marino, il presidente della Camera penale di Novara, Alessandro Brustia e il garante regionale dei detenuti, Bruno Mellano.

Al centro della collaborazione di quest’anno c’è uno spettacolo che non ha bisogno di presentazioni: “Io ero il milanese” di e con Mauro Pescio che trae spunto dall’omonimo podcast. La storia è quella di Lorenzo che l’autore e narratore ha incontrato nell’estate del 2017: «Lorenzo era uscito dal carcere da una decina di giorni – racconta Pescio -. Durante il nostro primo incontro, durato qualche ora, mi ha raccontato in sintesi tutta la sua vita, da quando era entrato la prima volta a pochi mesi a trovare suo padre, a quando era uscito come un uomo nuovo di 40 anni, trasformato in una risorsa per la società. Lo spettacolo è il racconto di un uomo che nella vita ha fatto tante scelte sbagliate, un uomo con cui la sfortuna si è accanita, un uomo che ha toccato il fondo, ma che da quel fondo si è rialzato. È la storia di come non debba mai venire meno la speranza, la fiducia e soprattutto di come si debba sempre offrire un’altra possibilità».

«Il nostro è un progetto che si propone di divulgare una cultura accessibile attraverso un teatro aperto, inclusivo, capace di parlare a tutti ma anche di farsi capire e di accogliere le istanze di una contemporaneità in cui cambiano i bisogni - raccontano Elena Ferrari e Mariano Arenella direttori artistici di Cabiria Teatro -. Ne è un esempio il percorso appena concluso con i ragazzi del quartiere Rizzottaglia culminato nello spettacolo “Amleto principe dei palazzi” andato in scena sabato scorso alla Corte degli speziali. In questo modo il teatro di Cabiria esce dai suoi spazi di comfort annullando le distanze fisiche, mentali, economiche, sociali, cercando di avvicinare un pubblico diversificato grazie alla partecipazione attiva che vuole divertire ed emozionare, ma allo stesso tempo informare e far pensare. Per noi il teatro non è solo intrattenimento, nel nostro lavoro ci chiediamo come possiamo essere utili: questo progetto è una delle risposte».

«Mauro Pescio è di Carpignano Sesia, ci conosciamo da sempre - aggiunge Ferrari -. Quando mi ha chiesto di ascoltare il suo podcast non riuscivo più a smettere. Ho anche avuto modo di conoscere il protagonista e questa è davvero una storia di riscatto».

Il podcast di Mauro Pescio, prodotto da RaiPlay Sound, ha vinto il premio come migliore podcast nella categoria Documentari.

Lo spettacolo è in programma venerdì 29 settembre all’interno della casa circondariale di Novara con due repliche alle 18 e alle 20 ed è già sold out.

Il progetto è sostenuto da Fondazione Cariplo e Fondazione Banca Popolare di Novara per il territorio, Fondazione Piemonte dal Vivo e Fondazione Crt.


INFORMAZIONI IMPORTANTI PER IL PUBBLICO

All’interno del carcere non sarà consentito portare con sè cellulari e dispositivi elettronici (auricolari compresi). Sarà, quindi, necessario lasciarli a casa o nella propria automobile in quanto non sono previsti spazi di deposito per i propri oggetti personali. Inoltre gli spettatori dovranno stampare il biglietto in formato cartaceo da presentare all’ingresso previsto con almeno 20 minuti di anticipo rispetto alla replica selezionata.


C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore