/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 22 novembre
martedì 15 novembre
martedì 08 novembre
Asfalto di sangue
(h. 08:40)
martedì 01 novembre
martedì 25 ottobre
martedì 18 ottobre
martedì 11 ottobre
martedì 04 ottobre
martedì 27 settembre
martedì 20 settembre

Il Punto di Beppe Gandolfo | 27 settembre 2022, 08:40

Quei genitori con lo specchietto retrovisore

"Ho avuto occasione di partecipare ai lavori di una commissione di selezione per un master universitario. Ho incontrato giovani preparatissimi, informati, attenti ai cambiamenti, ma soprattutto capaci di investire sul proprio futuro"

Quei genitori con lo specchietto retrovisore

Ho avuto occasione, recentemente, di partecipare ai lavori di una commissione di selezione per un master universitario. Con mia grande sorpresa (lo ammetto e me ne scuso) ho incontrato giovani preparatissimi, informati, attenti ai cambiamenti, ma soprattutto capaci di investire sul proprio futuro. Ragazzi che hanno imparato il cinese, l’ arabo, le lingue nordiche, oltre a quelle oramai tradizionali, per poter avere un atout in più per future carriere professionali. E io che credevo che la gran parte dei nostri giovani vivesse solo sui social. Imbecille che sono!

Dobbiamo sbarazzarci presto di quella presbiopia che ci illude di guardare avanti con lo specchietto retrovisore. “Ai miei tempi…” diceva il papà al nonno, il nonno al bisnonno…e così via. Dobbiamo cambiare lo sguardo sui giovani d’oggi, accantonare facili etichette: fannulloni, aggressivi, senza valori, capaci solo a cercare lo sballo facile.

“La nostra musica sì che era bella, c’erano i cantautori impegnati… oggi invece solo rap e parolacce”. Ammetto di averlo pensato più volte. Poi ricordo che per mio padre esisteva solo il liscio, il bel canto, la lirica e che Battisti e De Gregori erano autentiche lagne. E’ la legge della vita. Da sempre, gli adulti osservano i giovani con lo specchietto retrovisore.

Ma se non crediamo nelle future generazioni vivremo solo di ricordi e di delusioni: occorre avere fiducia nel futuro. Un esempio? Io, a malapena, riesco a fare una cosa per volta. Mio figlio è multitasking, cioè riesce contemporaneamente a rispondere o scrivere con il telefonino, prendere appunti, guardare la tv e parlare con me, a volte anche mangiare….. Ha già vinto lui!

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore