/ Il Punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 04 ottobre
martedì 27 settembre
martedì 20 settembre
martedì 13 settembre
Ora legale, sempre!
(h. 08:20)
martedì 06 settembre
martedì 30 agosto
martedì 23 agosto
mercoledì 17 agosto
martedì 09 agosto
martedì 26 luglio

Il Punto di Beppe Gandolfo | 26 luglio 2022, 08:40

Non si trovano dipendenti, di chi è la colpa?

Qualcosa non funziona nel nostro mercato del lavoro e nel nostro sistema scolastico, ma anche nell’approccio delle famiglie all’istruzione dei propri figli

Non si trovano dipendenti, di chi è la colpa?

Primo segnale. Recentemente è stato inaugurato, alle porte di Torino, uno stabilimento all’avanguardia nel settore dell’automotive: Oltre Industria Torino. Il presidente ha lanciato un allarme: delle 220 assunzioni previste, restano ancora da coprire 60 posizioni. Cioè si cercano 60 giovani da assumere con regolare contratto, ma arrivano pochissimi curriculum.

Secondo segnale. Più del 57% delle imprese del turismo, della ristorazione, dei servizi di logistica e del commercio che cerca personale, non lo trova.

Terzo segnale. In un alpeggio a 2200 metri, in Valle d’ Aosta dove si produce la Fontina Dop, i pastori provengono tutti da nazioni del Nord e Centro Africa, guadagnano 8-9 mila euro in 4 mesi, e poi tornano al loro paese d’origine, dove vivono da nababbi per il resto dell’ anno.

Ragazzi italiani disposti a far questo lavoro non se ne trovano.

Se un segnale è un indizio, tre segnali sono una prova.

La prova che c’ è qualcosa che non funziona nel nostro mercato del lavoro, nel nostro sistema scolastico che dovrebbe preparare i ragazzi all’ impiego, alla prima occupazione.

Ma anche nell’approccio delle famiglie all’istruzione dei propri figli.

Qualche anno fa il preside di un istituto di formazione salesiano mi confidò: i ragazzi che frequentano i nostri corsi da carburatorista o da elettrauto, quando escono trovano lavoro immediatamente. E proprio i ragazzi sarebbero entusiasti di venire da noi, ma dobbiamo lottare contro le resistenze dei genitori che vorrebbero per i figli solo il liceo e l’Università, anche per giovani che di studiare davvero, hanno poca voglia.

Allora ha forse ragione quell’imprenditore che ha suggerito di chiamare tutte le scuole superiori con il nome di Liceo: liceo per idraulici, liceo per carrozzieri, liceo per elettricisti, liceo per camerieri … e così via. Così, forse, saremmo tutti contenti.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore