/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 24 luglio 2022, 19:02

Passante ferroviario, individuata la causa dell’eccessiva usura delle ruote dei treni

Si tratta di una rotaia fortemente usurata fra le fermate di Dateo e Porta Vittoria. Trenord ha affidato al Politecnico di Milano l’incarico di redigere una perizia tecnica

Passante ferroviario, individuata la causa dell’eccessiva usura delle ruote dei treni

I tecnici di Trenord hanno individuato nel Passante Ferroviario di Milano una rotaia fortemente usurata e una rilevante quantità di limatura di acciaio in una tratta in curva, che testimonia un attrito anomalo fra la rotaia stessa e le ruote dei treni. Il punto in questione si trova fra le fermate di Dateo e Porta Vittoria. I tecnici e gli ingegneri di Trenord considerano tale tratto incompatibile con il passaggio dei treni all’interno del Passante Ferroviario di Milano.  

In 35 convogli transitati nel Passante Ferroviario nelle ultime settimane, Trenord aveva registrato un consumo fino a 100 volte rispetto al normale, con riduzione dello spessore dei bordi di 1 millimetro ogni 1.000 chilometri, contro l’usuale consumo di 1 millimetro ogni 80mila km. Gli interventi di ripristino delle ruote dei convogli interessati sono già iniziati presso i depositi di Milano Fiorenza e Novate Milanese.

«Trenord respinge con forza tutte le illazioni circolate in questi giorni – scrive la società in una nota –. È impossibile negare che sull’infrastruttura del Passante Ferroviario di Milano le ruote dei treni si consumino molto più del dovuto, diversamente da come avveniva fino a qualche settimana fa. L’azienda deve garantire la sicurezza dei viaggiatori e la salvaguardia dei propri mezzi e per questo motivo ha deciso di interrompere la circolazione dei convogli all’interno del Passante Ferroviario».

Trenord ha affidato al Politecnico di Milano l’incarico di redigere una perizia tecnica. Con i tecnici di Rfi, si valuteranno gli interventi necessari.

Redazione Varese

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore