/ Sanità

Sanità | 01 giugno 2022, 10:00

Fondazione Comunità Novarese sostiene Ail Novara sull’emergenza ucraina

L’Associazione ha aderito al programma di accoglienza dei malati ucraini di tumori del sangue

Fondazione Comunità Novarese sostiene Ail Novara sull’emergenza ucraina

Nuova importante iniziativa sostenuta grazie al Fondo Emergenza Ucraina costituito in FCN.

AIL (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma onlus) Novara ha scelto di collaborare con l’Ospedale “Maggiore della Carità” di Novara e, in particolare, con la Struttura Complessa a Direzione Universitaria diretta dal prof. Gianluca Gaidano, aderendo al programma della Lymphoma Coalition per l’accoglienza di pazienti ematologici ucraini bisognosi di cure per leucemie o linfomi.

Nello specifico, sono stati accolti nel reparto di ematologia sei pazienti oncologici ucraini con situazioni compromesse e complesse ma con speranze di miglioramento accompagnati da caregivers e familiari (fra cui una bambina di 11 anni). Mentre i pazienti sono stati ricoverati nella struttura di Ematologia, AIL Novara ha organizzato la permanenza degli accompagnatori.

AIL Novara si è, quindi, premurata di fornire loro beni di prima necessità e carnet di biglietti per il bus, un PC per permettere alla bimba di seguire le lezioni in DAD e di pagare loro l’affitto per uno dei due appartamenti in cui sono ospitati (di proprietà della Cooperativa Gerico) mentre un secondo appartamento è stato messo a disposizione gratuitamente dalla Parrocchia della Bicocca. Presso le stesse unità abitative trovano posto anche i pazienti che, man mano, vengono dimessi e che proseguono, però, le terapie in DH usufruendo del servizio di trasporto di AIL.

FCN sceglie di intervenire, attraverso le risorse del Fondo Emergenza Ucraina, e mette a disposizione 7.000 euro per coprire le spese di affitto per circa 10 mesi; tempo che si stima utile per terminare le cure.

FCN – commenta la vicepresidente Anna Chiara Invernizziè lieta di aiutare AIL Novara nel portare a termine un progetto umanitario così importante. Siamo convinti che le risorse che la comunità ha saputo far confluire sul Fondo Emergenza Ucraina debbano servire ad aiutare chi arriva non solo nell’immediato ma anche in un periodo di media e lunga durata. Il progetto di AIL risponde a un bisogno di cura ma anche di reinserimento delle persone travolte da questa tragedia. Rendere possibile la permanenza di familiari e caregivers significa infondere, a chi si trova in una situazione di guerra e malattia, una luce di speranza”.

“Siamo grati a FCN – aggiunge la Presidente di AIL Novara, Rosalba Barbieri così come alle tante istituzioni e persone che si sono mosse per aiutare i pazienti e i loro familiari e caregivers. L’organizzazione non è stata semplice sia nella fase di arrivo delle persone sia nel momento in cui abbiamo dovuto fornire loro i documenti necessari e gli effetti personali indispensabili che, nei minimi bagagli trasportati, non avevano trovato posto. Oltre alle cure mediche per i pazienti, qui da noi, i familiari hanno trovato ambienti confortevoli e persone attente che li hanno accolti con un calore ed un entusiasmo che, sicuramente, non si aspettavano.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore