/ Amministrazione

Amministrazione | 28 marzo 2022, 19:00

Destinati al Novarese 3 milioni per l’alluvione di ottobre 2020

Cirio: “Come Regione Piemonte siamo costantemente impegnati nel reperire risorse per dare aiuti concreti soprattutto ai Comuni più piccoli che hanno oggettive difficoltà a far fronte ai lavori

Destinati al Novarese 3 milioni per l’alluvione di ottobre 2020

Sono 324 gli interventi di opere pubbliche legati all’alluvione del 2-3 ottobre 2020 per i quali sono stati sbloccati da Roma circa 66 milioni di euro. Si tratta del quarto pacchetto di contributi che la Regione Piemonte destina ai Comuni, alle Province e ad altri Enti Locali per realizzare lavori di messa in sicurezza, mitigazione del rischio e ricostruzione, con priorità per gli interventi di difesa del suolo da frane e caduta di massi, di ripristino delle opere igieniche danneggiate, di difesa idraulica e di regimazione dei corsi d’acqua, di ripristino di edilizia comunale danneggiata e di ripristino della viabilità.

In particolare, sono 93 gli interventi nel Cuneese per un importo di 18,5 milioni, 67 nel Biellese per 11,7 milioni, 58 nel Verbano Cusio Ossola per 15 milioni, 55 nel Vercellese per 13 milioni, 36 nel Torinese per 4,2 milioni, 11 nel Novarese per 3 milioni e 4 nell’Alessandrino per 300.000 euro.

"Si tratta di un pacchetto di contributi particolarmente consistente - sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirioche consente di aiutare numerose amministrazioni locali messe in forte difficoltà dalla furia di un’alluvione che ricorderemo come tra le più gravi della storia recente. Come Regione Piemonte siamo costantemente impegnati nel reperire risorse per dare aiuti concreti soprattutto ai Comuni più piccoli che hanno oggettive difficoltà a far fronte ai lavori e che ora possono guardare con maggiore serenità al ripristino delle opere danneggiate e alla sicurezza del territorio per il futuro".

I beneficiari dei contribuiti sono direttamente i Sindaci dei Comuni colpiti, i Presidenti delle Province e i Direttori degli altri Enti Pubblici che si occupano dell’esecuzione dei lavori.

"Grazie al lavoro incessante degli uffici e all’attività di stimolo e sollecitazione che operiamo a diversi livelli nei confronti del governo siamo riusciti a sbloccare nuove somme – evidenzia l’assessore alla Protezione civile e Opere Pubbliche della Regione Piemonte Marco Gabusi -. Riusciamo ora a dare gambe alle progettazioni di sistemazione e ricostruzione anche a quei territori che sembravano essere stati esclusi da una primissima ricognizione, come è accaduto per alcuni Comuni della Provincia di Alessandria e della Città metropolitana di Torino, e che, come Regione Piemonte, abbiamo prontamente provveduto a far inserire nell’elenco delle aree interessate dallo stato di emergenza".

Nei prossimi giorni i Comuni e le Province riceveranno dagli uffici tecnici regionali la comunicazione con la richiesta della documentazione necessaria per ottenere l’erogazione del contributo.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore