/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 18 agosto 2021, 10:20

Allo Stresa Festival Nil Venditti dirigerà l'Orchestra da Camera di Stoccarda

Un ricco programma per la sesantesima edizione

Allo Stresa Festival Nil Venditti dirigerà l'Orchestra da Camera di Stoccarda

Saranno due giovani donne a celebrare l'importante traguardo dei 60 anni di Stresa Festival: Il 19 agosto l'Orchestra da Camera di Stoccarda sarà diretta dalla giovane e carismatica direttrice italo-turca Nil Venditti, astro nascente nella direzione d’orchestra, mentre al pianoforte si esibirà la giovane e talentuosa pianista franco-albanese Marie-Ange Nguci. Il programma della serata presenta tre composizioni che saranno gradite a un vasto pubblico: Il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 di Beethoven, la Sinfonia n. 1 “Classica” di Prokof’ev e le Danze concertanti di Stravinskij. 

Si prosegue venerdì 20 con un appuntamento pomeridiano alla scoperta del Sacro Monte di Ghiffa. Una passeggiata in un luogo magico, dalla mirabile architettura e dallo splendido paesaggio che si affaccia sul Lago Maggiore e alle ore 18 esibizione del quartetto vocale Orlando Consort . Il programma comprenderà mottetti e chansons francesi e inglesi del XIII secolo e composizioni fiamminghe di inizio Cinquecento ed avrà come tema la metafora floreale e vegetale dell’amore divino e terreno tra Medioevo e Rinascimento. Il tema è perfetto per essere ripreso il giorno successivo presso i fastosi Giardini di Villa Taranto insieme all’ensemble che ha dato la propria disponibilità ad in contrare il pubblico per una passeggiata itinerante (in lingua inglese). Gli incontri con gli artisti sono gli Album, eventi tra le novità del Festival 2021: gli artisti che parteciperanno al Festival hanno dato la propria disponibilità ad incontrare il pubblico per una passeggiata insieme, per parlare di musica o di altre passioni tra le bellezze naturali del luogo.

Sulla panoramica terrazza naturale dell’Isola Bella si esibirà domenica 22 un ensemble inusuale, Ô-Celli composto da otto straordinari violoncellisti che proporranno musica americana, da George Gershwin a Leonard Bernstein. Di nuovo in viaggio verso le Isole Borromee il 24 agosto per il concerto del berlinese Vision String Quartet, che si terrà nella splendida cornice della Loggia del Cashmere dell’Isola Madre. Programma dedicato a Schumann e Ravel. Appuntamento con Vision String Quartet anche per l’Album Minus one sull’Isola Pescatori: una novità e una grandissima opportunità per musicisti amatoriali che potranno suonare con grandi professionisti: durante l’esecuzione di ognuno dei quattro movimenti del Quartetto op. 18 di Beethoven, i musicisti del quartetto cederanno un posto a un musicista amatoriale che si presenterà con il suo strumento. Su prenotazione.

Il grande pianista Fazil Say proporrà il giorno 26 Rameau, Couperin, Debussy e Ravel in un programma che metterà Settecento e Novecento a confronto mentre il 27 agosto due grandi interpreti e un’orchestra di riferimento assoluto attendono il pubblico per una serata che si annuncia tra le “imperdibili” del panorama concertistico italiano 2021: si tratterà del concerto che celebrerà il 60esimo compleanno del Festival. Gianandrea Noseda  per vent’anni direttore artistico del Festival, dirigerà la Filarmonica della Scala nella Prima Sinfonia di Johannes Brahms, proprio come accadeva sessanta edizioni fa, nel 1962, quando Nino Sanzogno diresse l’Orchestra del Teatro alla Scala inaugurando la prima edizione delle Settimane Musicali di Stresa. Il Maestro Noseda passerà simbolicamente il testimone al nuovo direttore artistico, il Maestro Mario Brunello, violoncello solista nel Concerto n. 1 di Camille Saint-Saëns.

Gianandrea Noseda e Mario Brunello, insieme all’architetto Michele De Lucchi, incontreranno poi il pubblico il sabato successivo presso Il Chioso, l’Atelier De Lucchi di Angera. Il filo conduttore di questo Album è suggerito dal nuovo Palco Acustico del Festival, che l'architetto De Lucchi ha disegnato e regalato a Stresa Festival e che è stato inaugurato a Stresa in luglio. Il Palco acustico sarà montato per l’occasione nello spazio all’aperto dell’Atelier.

Un affascinante e spumeggiante dialogo tra la Venezia del Settecento e la Napoli del XXI secolo sarà la proposta del concerto del 28 agosto che si terrà presso il Teatro il Maggiore di Verbania, ovvero un originalissimo confronto tra la versione vivaldiana del 1725 delle Quattro Stagioni affidata a I Solisti Aquilani diretti dal violino  Daniele Orlando che ne daranno una lettura ecologica, con quella della band rock napoletana Capone & BungtBangt, una «band nata dalla nobile idea del riciclo creativo», che si esibisce con strumenti auto costruiti con materiali di riciclo.

Per chi desidera proseguire l’incontro con i Solisti Aquilani il mattino di domenica 29 agosto è in programma una mini crociera sul lago Maggiore, durante la quale i Solisti omaggeranno il loro pubblico con altre esecuzioni di musica di Vivaldi.

Martedì 31 agosto e mercoledì 1. settembre, divisa in due serate, l’esecuzione integrale delle Suite di Bach ritornerà a essere un punto fermo tra i concerti del Festival, proposta nella cornice suggestiva della rinascimentale Chiesa di Madonna di Campagna a Verbania. Giovanni Sollima affronterà per la prima volta a Stresa Festival l'esecuzione dell’integrale delle Suite. Gli Album proseguono in compagnia del Maestro Sollima mercoledì 1. settembre in mattinata, quando è prevista una traversata in battello sino all’incantevole monastero a strapiombo sul Maggiore che è l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, durante la quale il Maestro racconterà al suo pubblico la sua esperienza con la musica di Bach.

Stravinskij e Piazzolla saranno le due star i cui anniversari verranno celebrati nel corso del Festival 2021. Per i 100 anni dalla nascita del celebre musicista e compositore argentino Astor Piazzolla Gidon Kremer e la Kremerata Baltica porteranno a Stresa il loro Hommage à Piazzolla sabato 21 agosto. Anche il Maestro Gidon Kremer avrà piacere di incontrare il suo pubblico la mattina successiva per l'Album ospitato sulla terrazza panoramica dello Sky Bar di Stresa. (In lingua inglese).

L'Orchestra Senzaspine, fondata dai direttori d'orchestra Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani, classe 1984 e 1988, è una giovane orchestra che nel corso di pochi anni ha fatto un grandissimo percorso di maturazione ma che tutt'ora non rinuncia ai flash mob perché, come indica lo stesso nome – senzaspine – la musica classica deve essere accessibile a un pubblico il più vasto possibile. L'orchestra suonerà insieme all'argentino Pablo Ziegler che per 10 anni è stato il pianista del quartetto Nuevo Tango di Piazzolla, per un tributo a Piazzolla il giorno 29 agosto.  Guest stars il sassofonista Marco Albonetti con cui Mario Brunello condividerà il palco per qualche brano. I ragazzi dell'Orchestra Senzaspine saranno i protagonisti di un'Album che rappresenta un'altra novità per il Festival: un saluto musicale alla magia dell'alba presso l'Alpe Ordine di Campino, evento organizzato in collaborazione con Musica in Quota.

La musica quest'anno entrerà anche in spazi assolutamente insoliti quale è il capannone industriale che ospita la logistica di Herno, a Lesa. La sede si trasformerà per una sera in teatro per Piazzolla, lo spettacolo Anniversary, di Anna Tifu Tango Quartet, il 4 settembre.

Se nel corso del concerto di apertura è stato proposto un primo assaggio di Stravinskij, di cui ricorre quest’anno il 50esimo dalla morte, l'omaggio al compositore si concretizzerà in diverse serate, la prima delle quali sarà quella del 25 agosto, quando verrà proposto uno dei suoi lavori più noti, Petrouchka, nella versione dell’autore per pianoforte a 4 mani. Protagonisti i pianisti Mariangela Vacatello e Alessandro Taverna con Habanera Teatro che realizza uno spettacolo di Teatro di Figura per pupazzi, marionette, proiezione multimediale e attore su nero per raccontare la storia di un grande personaggio della tradizione russa che Igor Stravinskij ha contribuito a immortalare. Nella mattinata dello stesso 25 agosto un album che è più un “dietro le quinte” ed è riservato ai ragazzi fino a 15 anni (con accompagnatore): la compagnia Habanera Teatro illustrerà i particolari della realizzazione del teatro di figura per marionette e burattini. Veri danzatori e non più marionette per lo spettacolo Stravinsky’s love la sera del 3 settembre che vede in programma la strabiliante Beatrice Rana nell’esecuzione di Petrouschka danzata dalla star internazionale Serge Bernal.

Con Beatrice Rana sul palco anche Massimo Spada al pianoforte e Andrea Obiso al violino e i danzatori Davide Dato, Miriam Mendoza, Simone Repele e Sasha Riva che indosseranno per l'occasione i costumi disegnati da Pablo Picasso. Il programma si completa con La Sagra della Primavera.

Ritroviamo Petrouchka anche nel rigoglioso Parco di Villa Pallavicino, il 2 settembre. Si tratterà di in una rielaborazione dell’israeliano Yuval Shapiro e l’esecuzione, che sarà una prima assoluta in Italia, è affidata a Lorenza Borrani, Simone Jandl, Ursina Braun, Clara Andrada, Miriam Caldarini, Gabriele Carcano, Sivan Magen.  L’ensemble di solisti protagonisti del concerto sarà disponibile il giorno dopo ad incontrare il proprio pubblico per un Album che si terrà in un altro luogo di spettacolare bellezza, questa volta selvaggia e naturale: Gli Orridi di Uriezzo, in Val d’Ossola.

Luca Mosca, musicologo, conduttore di Lezioni di musica su Rai-RadioTre e docente presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia e Giovanni Bietti, compositore, pianista e musicologo nonché uno dei più accreditati divulgatori italiani di musica, saranno protagonisti di diversi appuntamenti in cui commenteranno in maniera informale e divertente la musica in programma al Festival.

Gran finale domenica 5 settembre con l’Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, per la prima volta al Festival di Stresa e diretta da Daniele Gatti.  In programma la Sinfonia n. 4 in si bemolle maggiore op. 60 di L.V. Beethoven e l’Apollon Musagete di I.Stravinskij.

 

Under 26

Anche per questa edizione agevolazioni speciali per i giovani che non hanno compiuto i 26 anni e che hanno diritto all’acquisto di biglietti a 10 €. Il prezzo del biglietto scende a 5 € se si partecipa in gruppo di minimo 4 under 26.

I concerti del 20 e 28 agosto e del 3 settembre sono a ingresso gratuito per gli Under 26 grazie al progetto Il Festival diventa green con i giovani sostenuto dalla Fondazione Comunitaria del VCO.

Sostenibilità

Da quest’anno il Festival di Stresa si è impegnato a porre una particolare attenzione ai temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale ed ha ottenuto la Certificazione ISO 20121 per Eventi Sostenibili. Il progetto, supportato e finanziato dalla Camera del Commercio Biella e Vercelli – Novara e Verbano Cusio Ossola e svolto in collaborazione con Locom, rientra nel progetto Interreg Italia-Svizzera Amalake per la riqualificazione dell’area “Lago Maggiore e le sue valli” dal punto di vista del turismo sostenibile.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore