/ Turismo

Turismo | 12 luglio 2021, 14:40

Parco Val Grande, presentato a Caprezzo il ‘Sentiero per tutti’

Il percorso accessibile di Cappella Porta è alla portata degli escursionisti diversamente abili

Parco Val Grande, presentato a Caprezzo il ‘Sentiero per tutti’

L'evento "Montagna per tutti" si è svolto nei giorni scorsi presso Cappella Porta, nel Comune di Caprezzo, quale azione del progetto "Sentieri ritrovati". Organizzato dalle cooperative Differenza e Aurive, con il sostegno dell'Ente Parco Val Grande e di Fondazione CRT, in rete con il Comune e la Pro Loco di Caprezzo. Importante la collaborazione delle associazioni per la disabilità di Verbania, Associazioni Aff Down, Angsa, Parkisoniani Verbania, Gsh Sempione 82.

Con questa iniziativa le associazioni attive in tema di disabilità e il Parco Nazionale Val Grande intendono avvicinare persone disabili alla possibilità di vivere esperienze di benessere e inclusione sociale in natura. L'evento di domenica è stato organizzato sul "Sentiero per tutti" di Caprezzo allo scopo di promuovere la conoscenza e l'utilizzo di questo itinerario appositamente attrezzato dall'Ente Parco Val Grande e dal Comune di Caprezzo: un percorso accessibile all'interno di un territorio in gran parte selvaggio come quello della Val Grande.

Il sentiero si snoda all'interno di un bosco misto di conifere e latifoglie, molto ombreggiato e lungo poco meno di 1 km, con un dislivello di poche decine di metri. Il fondo regolare e le pendenze medie, volutamente tenute al di sotto della soglia dell'8%, rendono il percorso adatto a tutti, con particolare attenzione ai disabili motori. Lungo il cammino l'Ente Parco Val Grande ha allestito 25 punti d'interpretazione (la maggior parte posizionati sul lato a monte del percorso, per garantire una maggiore sicurezza) che illustrano gli aspetti più significativi di quest'area, proponendo anche dei piccoli quiz da risolvere. Al termine del tragitto è stato attrezzato uno spazio adatto al riposo, allo svago e all'osservazione della natura, dove sono state riportate le soluzioni dei giochi proposti.

La giornata del 20 giugno ha offerto diverse proposte di animazione, laboratori, giochi, momenti musicali e workshop nel cuore della natura, gestite dalle Guide ufficiali del Parco Nazionale della Val Grande.

"Mai come in questo periodo storico la natura ed il contatto con essa rappresentano un bene imprescindibile per tutti. Con questa giornata - conferma il Commissario straordinario dell'Ente Parco, Massimo Bocci - il Parco Nazionale della Val Grande ha voluto testimoniare la propria attenzione e sensibilità nei confronti delle persone fragili. L'Ente Parco ha investito affinchè il "Sentiero per tutti" di Caprezzo, rinnovato e arricchito nelle strutture, possa diventare un luogo in cui tutti possano godere del contatto con la splendida natura della Val Grande, una natura che cura".

"In qualità di capofila del progetto, in rete con il Parco Nazionale della Val Grande e con la Cooperativa Aurive siamo molto soddisfatti: - commenta per la Cooperativa Differenza, Fabrizio Marta - è stata un'occasione importante per mettere in pratica in un evento reale le nozioni sul tema dell'accessiblità della montagna approfondite durante il corso di aggiornamento rivolto alle guide ufficiali del Parco. Abbiamo inoltre potuto capitalizzare e rafforzare la rete costruita con le associazioni attive per la disabilità, molto sensibili al tema della montagna per tutti".

"Ringrazio per il supporto la Proloco e gli alpini di Caprezzo: domenica è stata una giornata speciale, con molte persone nel nostro territorio. - conferma il Sindaco di Caprezzo, Pierangelo Ballardini - Il 'Sentiero per tutti', un km immerso nella natura valgrandina, è oggi ancora più bello e fruibile, anche con una attrezzata area picnic per una sosta di gusto. L'invito è a raggiungerci per vivere la montagna in libertà, "È stata una giornata ricca di emozioni, condivisioni, dove diverse disabilità si sono integrate fra di loro - dichiara la presidente di Angsa Vco, Graziella Caruso - ed è stato bello poter vivere questa esperienza insieme ad altre tre associazioni, composte da persone legate da una forte empatia e dalle comuni finalità di inclusione sociale. Molto apprezzate le proposte educative offerte: i laboratori di introduzione al bosco, di pittura con colori naturali, le percussioni in natura hanno coinvolto ulteriormente i partecipanti con attività diverse e adatte a tutti".

"Giornata riuscitissima, quella di domenica - commenta per gli Amici Parkinsoniani di Pallanza, Carla Ferretto - abbiamo apprezzato soprattutto l'integrazione che si è creata tra i partecipanti delle associazioni, dettaglio non scontato, data la diversità di disabilità e di età delle persone che hanno partecipato all'evento con il suporto delle quattro associazioni. Ci siamo sentiti integrati perchè gli altri si sono avvicinati a noi e noi agli altri".

Rosalba Rizzo di Aff Down VCO dichiara: "Sicuramente è stata una giornata di sorprese: siamo stati colpiti tanto dalla partecipazione delle persone, quanto dalla capacità dell'evento di incudere anche i nostri ragazzi, avvicinandoli ad apprezzare in modo concreto la natura della Val Grande. L'evento ha saputo coinvolgere tutti, in modo diverso secondo le possibilità di ciascuno di accedere alla montagna".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore