/ Eventi

Eventi | 20 giugno 2021, 14:00

Ameno ospiterà la prima edizione di “Letture Amene - Festival della natura, degli albi illustrati e delle arti”

Emanuela Bussolati

Emanuela Bussolati

Sabato 26 giugno e domenica 27 giugno, Ameno ospiterà la prima edizione di “Letture Amene - Festival della natura, degli albi illustrati e delle arti”, fortemente voluto dalle associazioni Mastronauta e Dragolago, nell’ambito del progetto Verde Vivente, finanziato da Fondazione Cariplo.

Una due giorni dedicata alle famiglie, ai bambini e alla Natura, insieme ai libri: i partecipanti potranno seguire un convegno che vedrà protagonista la madrina Emanuela Bussolati, autrice e illustratrice di grande fama, Raffaella Castagna, autrice,  illustratrice  e ideatrice del Logo del Festival, alcuni editori (Patrizia Zerbi, Carthusia, Francesca Archinto, Babalibri e Sabrina Stavro, Editoriale Scienza, queste due ultime da remoto), Franco Pistono, scrittore, educatore e musicista. A coordinare il convegno sarà Alessandra Starace, libraia e libroterapeuta, grande esperta di letteratura per l’infanzia.

I bambini avranno a disposizione 12 laboratori, distribuiti in tre mezze giornate, per un totale di oltre 130 posti (su prenotazione).

I partecipanti potranno usufruire anche di letture libere (destinate chi non riuscirà a prenotarsi) e potranno sfogliare o acquistare i libri scelti per l’occasione dalla Libreria dei ragazzi di Milano.

Non mancherà anche la possibilità di poter visitare Ameno e i dintorni che contraddistinguono questo bellissimo posto immerso nel verde, grazie alla collaborazione con la ProLoco di Ameno.

Il programma in dettaglio è allegato a parte, insieme alla presentazione della madrina, Emanuela Bussolati.

Il Festival fa parte di un progetto più ampio, come spiega Andrea Ruschetti dell’Associazione Mastronauta di Omegna: "Il progetto Verde VIivente nasce con l’intento di offrire una nuova formula per vivere, percepire ed esplorare il suggestivo e denso territorio del Lago d’Orta, concependolo come spazio d’azione culturale in cui promuovere pratiche innovative che accrescano l’attrattività territoriale. Tra le azioni previste Letture Amene rappresenta un seme importante che confidiamo possa crescere nel tempo e, soprattutto, fare crescere nei bambini, e non solo, un legame profondo con la natura, con il luoghi del festival e con le tante storie che li animeranno".

Paola Giroldini, dell’associazione Dragolago di Bolzano Novarese (NO):” Abbiamo voluto fortemente Verde Vivente perché ha l’obiettivo di sensibilizzare i più giovani all’attenzione all’ambiente, non solo come natura (piante, animali, territorio), ma anche come elemento vivo di cui noi facciamo parte e a cui noi siamo interconnessi.
Questo percorso ambientale si svolgerà volutamente nel bosco, perché sarà il bosco ad autorigenerarci mentre cammineremo e ci farà comprendere quanto questo sistema di cui noi facciamo parte sia prezioso da curare, e per curare noi stessi.
Letture Amene è un prolungamento di questa esperienza dal punto di vista non solo culturale, ma anche emotivo, per tutto ciò che gli albi possono comunicare. Per noi era importante creare una continuità con Verde Vivente per dialogare e far riflettere gli esseri umani, attraverso la cultura, sull’importanza che ha per l’Uomo la Natura”.

Susi Soncin, bibliotecaria e ideatrice del Festival “Ideare un festivall, oltre alla bellezza di dar vita a qualcosa che hai dentro, è come comporre un quadro, che si definisce man mano che arrivano le proposte, proprio come i colori o  le forme che prendono vita. Questo luogo fantastico intorno al verde dona l’opportunità di parlare di Natura, un argomento fondamentale che non va dato per scontato, perché scontato non è. Però, nel momento in cui se ne parla, si riesce a risvegliare e riscuotere le persone, che riscoprono qualcosa che appartiene davvero alla nostra essenza.”

Anna Pisapia, giornalista e biologa, Dragolago: “Ringrazio Paola Giroldini per questa opportunità che mi ha dato di poter lavorare su due temi che mi stanno a cuore: gli albi illustrati e la Natura. Entrambi sono nutrimento non solo per la testa, ma anche per il corpo e l’anima, che spesso, nelle nostre vite frettolose, dimentichiamo di avere. In questo periodo difficile, riuscire a immergersi nella Natura, non giudicante, e godere della bellezza dei luoghi, delle immagini e delle parole, è un grande dono che possiamo offrire alle famiglie. Speriamo con questa prima edizione di aver messo a dimora un semino e di poter vederlo germinare e crescere.”

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore