/ Eventi

Eventi | 15 ottobre 2020, 11:00

In mostra “Gioielli su carta” alla Fondazione Marazza Da Valenza a Borgomanero una tradizione di oro e arte

L’inaugurazione questo sabato 17 ottobre. La mostra è un omaggio all’arte orafa

In mostra “Gioielli su carta” alla Fondazione Marazza Da Valenza a Borgomanero una tradizione di oro e arte

Esistono “gioielli su carta” capaci di far sognare chi li osserva. Sono gioielli disegnati su cartoline, locandine, copertine, pagine di periodici che talvolta, fiammeggiando, s’impongono all’occhio di chi guarda e altre volte tendono a sfuggire e si nascondono, quando spille o diademi si mescolano alle vesti e si rendono quasi indistinguibili: a queste preziose opere d’arte è dedicata la mostraGioielli su carta. Ricchezze dorate fra disegni e cartoline: da Valenza all’Italia inaugurata sabato 17 ottobre 2020 a Borgomanero, alle ore 16 presso la Fondazione Marazza (viale Marazza 1)con i curatori Walter Fochesato e Riccardo Massola e la partecipazione di Anna Bassi della Gioielleria Milano. Prenotazione obbligatoria sul sito www.fondazionemarazza.it.

La mostra Gioielli su carta, con catalogo a cura di Interlinea Gioielli su carta. Ricchezze dorate fra disegni e cartoline: da Valenza all’Italia(pp. 84, euro 20), sarà aperta al pubblico dal 17 ottobre al 4 novembre, con orario martedì, venerdì e sabato: 9-12 e 14-18,30; mercoledì-giovedì: 14-18,30. Per informazioni: e-mail info@fondazionemarazza.it, tel. 0322 81485.

La mostra è organizzata da Fondazione Marazza e Città di Valenza-Assessorato alla Cultura, con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e Fondazione Mani Intelligenti.

Si trovano, negli archivi delle aziende orafe, disegni di gioielli che raccontano la storia di persone e oggetti d’arte che insieme dan­no valore al lavoro e alla creatività di generazioni, alimentando un im­maginario collettivo legato all’oro che ha Valenza come capitale italiana. Questi “gioielli su carta” sono raccolti insieme in una mostra e un catalogo in cui il bello e il vero si fondono in un’atmosfera preziosa che non è soltanto legata al mondo della moda e del costume ma è anche storia di una città, Valenza, e della sua tradizione orafa.

Anna Maria Bassi è Maestra di Arte Orafa, Gemmologa I.G.I. e Designer di Gioielli, discendente di terza generazione di una famiglia di orafi e gioiellieri. È co-titolare della G. Milano Gioielleria, negozio storico di Borgomanero fondato nel 1933 da Giovanni Milano, abile artigiano orafo proveniente da Valenza Po. In pochi anni Anna Maria Bassi è riuscita a farsi conoscere, stimare ed apprezzare per le sue capacità di maestro orafo rendendo il suo negozio uno tra i più prestigiosi ed affermati della città. Successivamente la figlia Piera con suo marito Augusto Bassi hanno saputo mantenere ed accrescere il prestigio acquisito dalla loro gioielleria in tanti anni di attività. Oggi i nipoti Anna, maestra d’arte orafa e gemmologa I.G.I., e Michele, esperto in orologeria, continuano con passione il lavoro dei loro famigliari. Oro, argento, diamanti e pietre preziose sono le materie prime che ancora oggi dopo tre generazioni contraddistinguono la tradizione della Famiglia Milano.

Walter Fochesato è fra i maggiori esperti di letteratura per l’infanzia e storia dell’illustrazione. Da molti anni è coordinatore redazionale del mensile “Andersen”. Insegna al dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Genova e Storia dell’Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Macerata e al master in editoria dell’Università di Pavia-Collegio S. Caterina. Per Interlinea fa parte del comitato della collana “Le rane” e ha pubblicato, fra l’altro: Auguri di Buon Natale. Arte e tradizione delle cartoline augurali (2010), Raccontare la guerra. Libri per bambini e ragazzi (2011), Il gioco della guerra. L’infanzia nelle cartoline del primo conflitto mondiale (2015) e Le pubblicità di Natale che hanno fatto epoca (2017).

Riccardo Massola è responsabile della Biblioteca comunale di Valenza.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore