/ Regione

Regione | 04 ottobre 2020, 10:00

In Piemonte i servizi pubblici per l'impiego diventano sempre più digitali

Stanziati 96 milioni per migliorare la capacità di rispondere ai bisogni crescenti di cittadini e imprese. Ad Agenzia Piemonte Lavoro il mandato di sviluppare le azioni per il rinnovamento

In Piemonte i servizi pubblici per l'impiego diventano sempre più digitali

Diventa operativo il Piano di potenziamento dei Centri per l’impiego piemontesi, approvato dalla Giunta regionale del Piemonte. Il documento programmatico recepisce la disponibilità finanziaria prevista in attuazione del Piano di potenziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e ridefinisce, rafforzandole, le linee di sviluppo dei servizi pubblici per l’impiego. Lo stanziamento beneficia di fondi nazionali e ammonta a 96 milioni di euro.

L’esecuzione operativa è affidata ad Agenzia Piemonte Lavoro (APL), l’ente strumentale cui Regione Piemonte, per il tramite dell’Assessorato istruzione, lavoro, formazione professionale, diritto allo studio universitario, assegna il mandato di gestire e coordinare i Centri per l’impiego e promuovere le politiche attive del lavoro, favorendo concretamente l’incontro fra domanda e offerta sul territorio piemontese e garantendo l’attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni dei servizi.

Forte di questo importante investimento, APL dà operativamente impulso a un’epocale trasformazione dei servizi per l’impiego in Piemonte, e lo fa attraverso interventi mirati. Per supportare il processo, APL prevede infatti di incrementare il proprio capitale umano attraverso un imponente piano di stabilizzazioni e assunzioni di nuove professionalità che vedrà l’ingresso di circa 400 unità entro il 2021. Il personale sarà altresì valorizzato e potenziato grazie a percorsi formativi finalizzati al rafforzamento delle competenze.

Anche l’organizzazione della rete dei servizi diventerà oggetto di un rinnovamento radicale. L’accesso da parte di un’utenza sempre più ampia sarà consentito dal potenziamento dei sistemi informativi, dal sito web alle app specializzate, dall’organizzazione digitale degli appuntamenti (virtual desk) al contact center multicanale fino alla sperimentazione di alcuni servizi interamente svolti sulla rete, assicurando comunque a tutti l’accesso ai servizi attraverso i canali tradizionali. In questa ottica APL si è di recente consorziata con CSI Piemonte, individuato come partner tecnologico per accompagnare il proprio percorso di crescita digitale.

L’imponente processo di trasformazione che il Piano descrive è il risultato di un radicale ripensamento sulla qualità di assistenza offerta a cittadini e imprese sul territorio dei comuni piemontesi, ribadito anche nel recente incontro fra l’assessore regionale al Lavoro, il direttore di Agenzia Piemonte Lavoro e i sindaci dei comuni di Anci Piemonte.

L’assessore regionale al Lavoro sottolinea che le occasioni di lavoro non mancano, così come gli strumenti e le risorse per favorire l’incrocio fra domanda e offerta. Adesso occorre lavorare senza sosta per il Piemonte e per i piemontesi, per uscire dalla palude dell’assistenzialismo e dell’immobilismo favorita da politiche nazionali fallimentari e rilanciare concretamente l’occupazione per mezzo delle politiche attive, prime fra tutte orientamento e formazione.

L’assessore regionale ha precisato che il piano di potenziamento - con particolare riferimento all’incremento di risorse umane da inserire nei Centri per l’impiego piemontesi, già iniziato con i primi assunti, entrati in servizio a settembre - ha proprio come obiettivo quello di rendere l’Agenzia Piemonte Lavoro il punto di riferimento per i cittadini e le imprese, in grado di rispondere concretamente alla crescente richiesta di assistenza nella ricerca di lavoro e di personale.

Il direttore di Agenzia Piemonte Lavoro evidenzia che il Piano di potenziamento rappresenta un’occasione imperdibile per portare i servizi pubblici per l’impiego della Regione Piemonte all’altezza delle necessità manifestate dal complicato momento storico contingente del mercato del lavoro. In autunno crescerà il numero di cittadini disoccupati che si rivolgeranno ai Centri per l’impiego: è intenzione di APL non farsi trovare impreparata. Saranno potenziati i servizi di orientamento specialistico e intensificate le azioni di marketing verso le imprese. Tutte le competenze e le professionalità saranno messe a servizio della comunità affinché gli effetti della crisi possano essere meno gravi.

Il direttore aggiunge che l’Agenzia Piemonte Lavoro si impegnerà a raccontare puntualmente lo stato di avanzamento delle attività e delle iniziative intraprese grazie a un piano di comunicazione coordinata, orientato a informare cittadini, imprese, media e stakeholder istituzionali sulla profonda trasformazione in atto.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore